• Redazione

È pronta la samba di Tite



GRUPPO E/CARIOCA IN FORTE CRESCITA GRAZIE AL CT DI ORIGINI MANTOVANE

CONDANNATO AD ESSERE FAVORITO. Anche questa volta il Brasile non si tira indietro, va in Russia per vincere, inseguendo il sogno dell’ ‘Hexa’. Il sesto titolo mondiale sarebbe dovuto arrivare quattro anni fa nella Coppa giocata in casa, ma tutto finì con quella che tuttora viene considerata “la grande tragedia nazionale”, la vergogna dell’1-7 nella semifinale di Belo Horizonte contro la Germania. Questa volta la Selecao giocherà con la mente sgombra, senza la pressione di duecento milioni di tifosi addosso, e avrà un allenatore vero in panchina. Da quando Tite, l’oriundo mantovano, è diventato ct, il Brasile è tornato ai vertici mondiali dimenticando i disastri dell’era Scolari-2 e poi del ritorno di Dunga. Lo ha dimostrato vincendo con largo anticipo il girone su- damericano . Il tecnico che ama il calcio italiano e studia gli schemi offensivi di Sarri ha sempre avuto le idee chiare, al punto da aver scelto già dalla fine dello scorso anno 16 dei 23 convocati per questo Mondiale, e di averli annunciati. Tite gioca con il 4-3- 3, nel quale a centrocampo i titolari sono Casemiro e Fernandinho, mentre Renato Augusto, rimasto competitivo ad alto livello anche se gioca da tempo in Cina, ha una valida alternativa in Philippe Coutinho. Nessun dubbio anche per portiere, con Alissontitolare edifesa,con Marquinhos, Thiago Silva e Marcelo che sono i preferiti del tecnico. Il ct della Selecao da 3,5 milioni di euro all’anno (è il secondo più pagato dei 32 tecnici del Mondiale, dopo Loew) crede molto anche nello spirito di gruppo e nel senso di leadership, che sostiene possa fare miracoli. Per questo ha instaurato il principio del capitano a rotazione, cambiandone 16 nelle ultime 19 partite. Poi ha regalato a ogni suo giocatore una copia del libro “Leading with the Heart”, scritto dal coach del Dream Team Usa del basket Mike Krzyzewski: “I miei devono leggerlo e rifletterci sopra, ognuno deve sentirsi responsabile dei successi della squadra”, ha spiegato il tecnico che considera “Spagna, Germania e Francia” le altre favorite dei Mondiali che stanno per cominciare. IL GIOCATORE - Neymar jr - A diciott’anni era il nuovo Pelé, ora è chiamato a confermare che la nomea sia quella giusta. Nell’agosto del 2010 c’è stata la sua prima convocazione, dopo il Mondiale in Sudafrica finito anzitempo per l’espulsione di Felipe Melo nella sfida contro l’Olanda. Neymar ha vinto tutto tranne Copa America e Mondiale. Il Brasile è il candidato numero uno a stravincere, perché dopo una crisi di talento è arrivata una nuova generazione di campioni,. RANKING FIFA - 2

OBIETTIVO - Vittoria. FORMAZIONE (4-1-4-1) Alisson; Danilo, Thiago Silva, Marquinhos, Marcelo; Casemiro; Coutinho, Douglas Costa, Paulinho, Neymar; Gabriel Jesus.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA