“A Firenze sarà dura”

SERIE A/Higuain si gode il momento positivo, ma avverte: “In quello stadio si soffre sempre”



TORINO. Ci sarà Sarri sulla panchina della Juventus a Firenze: l'ultima conferma, se ancora ce ne fosse stato bisogno, è arrivata dall'annunciata presenza del tecnico alla conferenza stampa della vigilia, oggi all'Allianz Stadium. Dopo lo stop concordato con i medici per la polmonite, quindi, il tecnico è pronto a buttarsi nella mischia al 100%. La Juve per il confronto con la Fiorentina, nel quale cerca il tris di successi in campionato, dovrebbe ricalcare quella delle prime due giornate, con due soli probabili cambiamenti: sulla fascia destra Danilo al posto dell'infortunato De Sciglio, e a centrocampo Rabiot invece che Matuidi. Tutto confermato, sulla carta, in attacco: dal Cristiano Ronaldo reduce dal poker con la maglia del Portogallo a Douglas Costa e Higuain, suoi compagni di reparto. Il 'Pipita' si gode il momento sì: "Mai pensato di andare via - dice il centravanti argentino - quando sono tornato a Torino, nessuno mi ha detto nulla. E io mi sono concentrato nel lavoro, per dimostrare quanto valgo. Dal primo giorno, ho sempre voluto rimanere alla Juventus: qui tutto è grande: la società, la squadra, la tifoseria". Con la maglia bianconera, Higuain ha già segnato 56 gol, l'ultimo contro il suo ex Napoli, il secondo nello scontro diretto di due settimane fa, la mazzata che ha piegato le gambe ai partenopei. "E' stata - ricorda Higuain - una partita dalle emozioni forti, siamo andati sul 3-0 poi abbiamo accusato un calo di energie fisiche e mentali. La vittoria è arrivata per un colpo di sfortuna del Napoli, ce la siamo goduta di più". Il primo centro per la Juve, invece, Higuain, l'aveva fatto nell'agosto 2016, contro la Fiorentina, dopo avere cominciato la partita in panchina. "A Firenze - sottolinea il 'Pipita' - sarà durissima, in quello stadio si soffre sempre. Ma noi dobbiamo essere all'altezza: cerchiamo i 3 punti che ci permetterebbero di continuare a restare in testa alla classifica a punteggio pieno". Alla Juve Higuain ha ritrovato Cristiano Ronaldo, suo compagno di squadra, per quattro anni, nel Real Madrid: "Ora è un campione più completo, è cresciuta la sua ambizione, vuole provare a vincere tutto e a migliorare i suoi record. E sono molto contento di essere al suo fianco".

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro