Against the odd



SUPERBOWL/LA SORPRESA EAGLES SECONDO I BOOKMAKER

NEW YORK. Il Super Bowl numero 52 lo giocheranno domenica 4 febbraio a Minneapolis, New England e Philadelphia.

Gli Eagles sfideranno la squadra che ad inizio campionato veniva indicata unanimemente come una delle favorite alla partita finale (gli scommettitori quotavano i Patriots 5-2, Philadelphia 40-1). Oggi si ritrovano invece ad essere la squadra più sfavorita mai en- trata in campo in un Superbowl, sin dall’edizione XLIII (2009), quando lo stesso ruolo spettò agli Arizona Cardinals contro Pittsburgh (che vinse). La dimensione della differenza dei valori (teoretici) la si può ricercare nelle quotazioni dei bookmaker di Las Vegas: Westgate SuperBook attribuisce a Philadelphia 5.5, The Wynn affibbia a New England minus 6.5, Caesars Palace e Station Casinos si mantengono su minus 6 per i Patriots. William Hill (Nevada) attribuisce a New England 5 punti di vantaggio. Naturalmente i centri di scommessa possono sbagliare, sebbene siano incorsi in errore solo due volte su 27 incontri sin dal 1991, anno dal quale il Nevada Gaming Control tiene l’elenco delle scommesse sulla partita. È accaduto in Patriots-Giants (2008) e per San Francisco-San Diego (2005).

LE PARTITE - Ambedue le finali di conference hanno sottolineato che a Minneapolis arrivanoi le squadre che meritano, in grado di produrr eil miflkior foorball dell’anno. Gli Eagles si sono guadagnati la partitissima disintegrando Minnesota 38-7. A sorpresa, quantomeno nelle proporzioni del trionfo. Erano sfavoriti in assoluto, per la seconda volta in questi playoff, come contro Atlanta. E per la seconda volta hanno sfruttato il fattore casalingo per conquistare la W. I Pats, alla decima partecipazione (record) proveranno a vincerlo per la sesta volta (eguaglierebbero il record di Pittsburgh), seconda consecutiva e terza nelle ultime quattro edizioni. Si sfideranno anche le squadre che hanno chiuso la stagione regolare col miglior record delle rispettive Conference, le teste di serie numero 1 dei playoff.

PHILADELPHIA - Lo scetticismo in chiave Eagles era generato dall’assenza dell’infortunato Wentz, ma stavolta Foles non lo ha fatto rimpiangere. Ha stravinto la sfida tra QB di riserva con Keenum (lui promosso titolare grazie al k.o. di Bradford). L’ex QB di Cali- fornia University ha lanciato per 352 yds e 3 mete, quello ex Houston ha commesso tre palle perse (due intercetti e un fumble), due con la gara in equilibrio, mettendo spalle al muro la miglior difesa NFL per punti concessi, che si è a sorpresa sciolta come un gelato.

BRADYCOUNTRY-Brady ha rimontato e vinto una partita che sembrava già persa battendo Jacksonville 24-20, e con coach Belichick andrà a caccia del sesto trionfo. I Patriots erano sotto in casa 20-10 nel 4° quarto. Poi il QB, il cui infortunio alla mano (4 punti di sutura mercoledì per un colpo ricevuto dal fuoco amico in allenamento) non l’ha limitato neanche un po’. Pur senza Gronkowski, perso per infortunio, completa tutto. Tre passaggi in particolare, tutti per Amendola: un terzo e lungo, e due mete, l’ultima delle quali (quella vincente) spettacolare, e che esalta l’agilità del ricevitore. Bortles il suo dirimpettaio, che aveva giocato una partita diligente, solida, non è invece riuscito a replicare, quando nell’ultimo drive gli si richiede- va di essere straordinario. Sarà quindi, come al solito, un grande spettacolo, allo U.S. Bank Stadium di Minneapolis. L’evento che ferma l’America e il mondo intero, coniugando sport e spettacolo ai massimi livelli. Attesissimo, come sempre, l’half-time show, che quest’anno vedrà come protago- nista Justin Timberlake.


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro