Agli Usa basta un solo punto



MONDIALI 2018/QUALIFICATO ANCHE L’EGITTO, DOMANI L’ULTIMA CONCACAF

ROMA. Un intero turno di incontri, sino a domani, per avere i verdetti europei sul- l’accesso diretto alla fase finale del Mondiale di Russia o la partecipazione agli spareggi. Sono note sei delle occupanti dei 13 posti, su 32 totali, destinati al Vecchio Continente. Sono Russia, paese ospitante, Belgio, Inghilterra, Polonia, Germania e Spagna. Nel resto del Mondo hanno ottenuto intanto il pass Brasile, Messico, Arabia Saudita, Corea del Sud, Giappone, Iran, Nigeria, sabato notte la Costa Rica e ieri l’Egitto. I centramericani hanno pareggiato 1 a 1 con l’Honduras, garantendosi il passaggio del turno dal girone Concacaf. Oggi hanno grandi chance di qualificazione diretta la Serbia nel gruppo D e l’Islanda nel gruppo I. L’Italia gioca a Scutari con l’Albania ma sa già di avere assicurato un posto negli spareggi e attende di conoscere le possibili avversarie, un lotto che, al momento, comprende Portogallo, Svezia, Danimarca, Irlanda del Nord, Grecia, Galles e Croazia, ma per molte di loro è aperta sia la strada del primo posto nel gi- rone, con l’accesso diretto alla fase finale, sia quella della eliminazione. Il sorteggio verrà fatto il 17 ottobre, tenendo conto del ranking Fifa al momento della conclusione dei gironi di qualificazione. Le otto squadre verranno suddivise in due gruppi: teste di serie e non. L’Italia dovrebbe essere tra le prime quattro, con, sempre al momento, Portogallo, Galles e Danimarca, ma niente è ancora deciso, specie se gli Azzurri non dovessero vincere in Albania. In sostanza, sono ancora in corsa per il primo posto Croazia, Danimarca, Francia, Islanda, Irlanda, Polonia, Portogallo, Serbia, Svezia, Svizzera, Ucraina e Galles. Sono in corsa solo per gli spareggi Bosnia, Grecia, Montenegro, Irlanda del Nord, Scozia, Slovacchia e Slovenia. Domani hanno grandi chance di qualificazione diretta la Serbia nel gruppo D e l’Islanda nel gruppo I.

CONCACAF - L’ultimo timbro sul visto per la Russia l’ha messo Kendall Waston, poderoso attaccante centrale dei Vancouver Whitecaps e della Costa Rica. Il suo colpo di testa al minuto 95 vale il pareggio con l’Honduras, andato in vantaggio al 66' con Hernandez. E soprattutto vale il punto decisivo per la qualificazione dei Ticos, che parteciperanno al secondo Mondiale consecutivo (nel 2014 salirono fino ai quarti di finale) e al quinto complessivo (1990, 2002, 2006 i precedenti). La gara con l’Honduras, in programma venerdì, era stata rinviata per il passaggio di una tempesta tropicale. La Costa Rica è quindi la seconda qualificata del gruppo Concacaf, dopo il Messico. Al terzo posto ci sono gli Stati Uniti, a cui grazie al pareggio del Costa Rica serve un punto mertedì a Trinidad. Gli Usa fallirebbero la qualificazione nel solo caso in cui fosse sconfitto e contempo- raneamente Honduras e Panama vincessero. Dal trittico di risultati dipende la quarta posizione, che spedisce allo spareggio contro Australia o Siria.

EGITTO DOPO 27ANNI - Anche l’Egitto si è qualificato grazie alla decisiva la vittoria per 2-1 contro il Congo grazie alla doppietta dell’exromanista Mohamed Salah a segno al 18' della ripresa e poi su rigore in pieno recupero. Di Bouka Moutou al 42' st il gol del momentaneo 1-1. L’Egitto - allenato da Hector Cuper - è la seconda nazionale africana (dopo la Nigeria) a Russia 2018. La nazionale dei Faraoni non si qualificava per la fase finale di un mondiale da Italia ’90, ben 27 anni fa.


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro