“Aiuti dall’estero cruciali”

Di Maio invita a non polemizzare sulle forniture dagli altri Paesi




di Domenico Palesse

ROMA. Dall’inizio della diffusione del coronavirus, sono arrivati in Italia oltre 50 milioni di mascherine ed altre ne arriveranno nei prossimi giorni. Un numero enorme, ma non abbastanza per soddisfare la richiesta che, stando a quanto riferito dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, si aggira intorno ai 100 milioni di mascherine al mese, circa 3 milioni al giorno. Per questo lo stesso titolare della Farnesina ha invitato ad evitare le polemiche “sui soldi che spendiamo per comprare mascherine e ventilatori all’estero”. “Non è il momento delle polemiche perché senza acquisti dall’estero sarebbe impossibile fronteggiare il nostro fabbisogno”, ha sottolineato Di Maio a margine della sua visita all’aeroporto militare di Pratica Di Mare, dove ha accolto l’arrivo di medici e infermieri dall’Ucraina e di aiuti sanitari dall’Egitto. Al momento, ha spiegato, “la produzione interna non consente di raggiungere neanche la metà del fabbisogno”. “E’ logico che abbiamo avuto aiuti - ha aggiunto - ma anche che abbiamo avuto bisogno di comprare all’estero. E se abbiamo potuto comprare all’estero è grazie al fatto che abbiamo avuto dai governi anche la possibilità di esportare i prodotti che compravamo”. E intanto nelle dogane di tutta Italia continua senza sosta il lavoro dei funzionari dei Monopoli, oggi più che mai impegnati sul fronte del controllo dei beni in partenza e in arrivo in Italia. Negli ultimi dieci giorni sono state requisite ai confini circa 1,8 milioni di mascherine e altro materiale sanitario, come guanti in lattice, dispositivi per la respirazione e ventilatori polmonari. Uno stop all’esportazione previsto dallo stesso decreto “Cura Italia”, firmato dal premier Giuseppe Conte. Tutto il materiale fermato in dogana viene poi messo a disposizione della Protezione Civile che decide quale ente ne beneficerà. Un lavoro che si accavalla a quello di sdoganamento della merce. Solo negli ultimi due giorni i funzionari Adm hanno dato il via libera per circa 16 milioni di mascherine. Numeri che saranno analizzati e presentati accurata- mente nei prossimi giorni. Oltre al materiale requisito, inoltre, ci sono altre centinaia di migliaia di prodotti sanitari fermi in attesa di autorizzazione, da La Spezia a Bologna, da Fiumicino a Malpensa. Quello delle mascherine è un tema caldo in questi giorni e sono molte le aziende italiane che si stanno riconvertendo per produrre i dispositivi di protezione. Non solo industrie e aziende, ma in prima linea, da ieri, ci sono anche tre carceri: Bollate, Salerno e Rebibbia. Si tratta di “otto impianti automatizzati che nell’arco di 15 giorni consentiranno di produrre 400 mila mascherine al giorno, i quali potranno progressivamente aumentare”, ha spiegato il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri. “Non solo le istituzioni l’esercito e le amministrazioni regionali, ma anche i detenuti possono dare un contributo a questa guerra - ha concluso -. Questo ci dà ancora più forza per andare avanti”.

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro