Alfano: “Andiamo avanti”



ROMA. Non nega che sia in atto un’opa ostile sul suo partito e che nei prossimi giorni potrebbero esserci nuovi addii dopo quello di Costa e Cassano, ma dal palco della Summer School a Taormina, Angelino Alfano serra i ranghi del suo partito e va al contrattacco. Nessuna intenzione di sgombrare il campo, anzi, avverte il leader di Area Popolare: “Difenderemo la storia di questi quattro anni, ci uniremo con altri e andremo avanti”.

Certo, il titolare degli Esteri non nega che il momento sia complicato “ci attendono mesi faticosi” che culmineranno “nell’aggressione finale pre elettorale” ma, avvisa Alfano “noi non ci piegheremo, non ci sottometteremo e non ci faremo annettere”. Una difesa quasi territoriale quella del leader di Area popolare che indica come obiettivo la costruzione di un centro autonomo rispetto ai progetti di Renzi e Berlusconi che secondo il ministro degli Esteri sono pronti ad allearsi nella prossima legislatura: “Sono pronti a mettersi insieme perché non c’è un solo sondaggio che dica che uno di loro abbia la maggioranza”. Come nei giorni scorsi, Alfano minimizza le perdite del suo partito: “Io mi occupo di chi resta e di chi verrà, non di chi è andato via”, taglia corto dal palco di Taormina. Ma se è pur vero che nessun altra defezione è stata annunciata anzi due senatori (Paolo Bonaiuti e Guido Viceconte) hanno smentito di avere le valige pronte così come la componente fittiana che ha chiesto di essere “lasciata fuori dal calcio- mercato politico”, gli occhi restano puntati su palazzo Madama dove l’attivismo di Gaetano Quagliariello e dei fedelissimi del Cavaliere (Paolo Romani e Niccolò Ghedini in primis) fa presagire che tra le varie ‘anime’ centriste la situazione è tutta in divenire. Che sia in atto un assalto ad Area popolare ne è convinta anche Beatrice Lorenzin.

Il ministro della Salute non a dubbi: “Noi il cinque per cento lo abbiamo in Italia e lo abbiamo dimostrato in queste elezioni amministrative. Quello che noi vogliamo prendere è il 10 per cento e siccome chi fa l’opa questo lo sa bene, dicono ‘Svuotiamoli prima che partano, andiamo a minare le certezze’”.

Ma se per Berlusconi lo schema che prevede il nuovo contenitore moderato come ‘stampella’ di Forza Italia è legato alla nuova legge elettorale, lo stesso vale per le alleanze ed il nuovo centro a cui intende lavorare il partito di Alfano.

La partita vera si giocherà a settem- bre e difficilmente, visto i veti incrociati, che si possa arrivare ad un nuovo testo. E chissà se a pesare nelle scelte del centro- destra saranno i dati degli ultimi sondaggi che in queste settimane concordano su un fatto: il centrodestra unito è in vantaggio. L’ultimo pubblicato dal Corriere della Sera evidenzia come la crescita di Forza Italia che raggiunge la Lega al 15,1% ag- giunto al il 4,9% di Fdi porta la coalizio- ne a quota 35,1%. Diversi punti in più ri- spetto a Pd e M5s, entrambi in flessione, che si attestano al 26,9% e al 27,6%.


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro