All’Ue 30 giorni per trattare



DAZI/TRUMP PRENDE TEMPO E CONCEDE ALL’EUROPA TEMPO FINO AL 1O GIUGNO

NEW YORK. Donald Trump concede all'Europa altri 30 giorni per trattare. Il presidente americano estende al 1 giugno il termine ultimo per l'imposizione dei dazi sull'alluminio e l'acciaio, rimandando di fatto la decisione sulla loro entrata in vigore e po- tenzialmente posticipando una guerra commerciale. L'annuncio della Casa Bianca arriva a poche ore dalla scadenza del primo maggio, data inizialmente indicata per l'entrata in vigore di dazi del 25% sull'import di acciaio e del 10% su quello di alluminio. L'estensione delle trattative riguarda non solo l'Ue ma anche il Canada e il Messico, con i quali gli Stati Uniti sono impegnati a rivedere l'accordo di libero scambio del Nafta. ''L'amministrazione ha raggiunto un accordo definitivo con la Corea del Sud per l'import di acciaio. E ha raggiunto - si legge in una nota della Casa Bianca - accordi di principio con Argentina, Australia e Brasile, i cui dettagli saranno finalizzati a breve. L'amministrazione estende le trattative con Canada, Messico e Unione Europea per altri 30 giorni. In tutte queste trattative, l'amministrazione è concentrata su quote che frenano l'import e tutelano la sicurezza nazionale. Questi accordi mettono in evidenza la strategia di successo dell'amministrazione Trump nel raggiungere risultati con gli alleati tutelando la nostra sicurezza''. Per l'Ue si tratta di una 'concessione' temporale importante per tentare di arrivare all'obiettivo di un'esenzione permanente dai dazi. Il deficit commerciale degli Stati Uniti con l'Ue è balzato dai 17 miliardi di dollari del 1997 ai 151,4 miliardi del 2017. Un rosso causato dalle importazioni manifatturiere dalla Germania: solo lo scorso anno gli Usa hanno acquistato 117,7 miliardi di prodotti Made in Germany, il 27% delle totali importazioni dall'Ue. Nelle ultime settimane l'Ue ha lavorato per centrare il suo obiettivo con le missioni americane del presidente francese Emmanuel Macron e della cancelliera tedesca An- gela Merkel. Le trattative sono andate avanti fino all'ultimo minuto, con colloqui telefonici fra i rappresentati Ue e funzionari del- l'amministrazione americana. Parigi, Berlino e Londra hanno fatto fronte comune con un ultimatum a Washington. Una mossa vista con scetticismo dal ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda. "Non spetta a me, ma io non avrei sottoscritto" l'ultimatum a Trump deciso da Macron, Merkel e May "e non perché sono a favore dei dazi, ma perché bisogna tenere i toni molto bassi e stare molto attenti a non costruire una situazione che rischia di sfuggirci di mano'', ha detto Calenda nelle ultime ore, lasciando comunque intravedere come aperti i margini della trattativa erano ancora aperti. ''Potrebbe anche arrivare un'altra proroga" aveva detto. E così è stato: l'Ue ha altri 30 giorni. "Bisogna abbassare i toni e cercare soluzioni concrete. Non possiamo permetterci una guerra commerciale su settori chiave delle nostre economie. Potrebbe determinare ben più vaste crisi e conflitti deflagranti e cambiare in modo definitivo gli equilibri geopolitici mondiali", ha commentato il presidente del Comitato economico e sociale europeo Luca Jaher. "E' incredibile dover discutere in queste condizioni col nostro principale e storico partner e alleato - osserva Jaher -. Questa incertezza e questa minaccia non solo è dannosa per industria, lavoratori e cittadini, ma indebolisce anche il complesso quadro di regole multilaterali nel campo del commercio che abbiamo costruito e determinato in gran parte noi, Ue e Usa insieme, a tutto vantaggio di altri attori che hanno spesso mal sopportato l'innalzamento di tutti gli standard regolamentari e che avranno tutto da guadagnare dallo sgretolamento di tale sistema"


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro