Allegri sorride: Dybala c’è



JUVENTUS/L’ARGENTINO PRONTO PER GIOCARE SIA DOMANI CHE IN CHAMPIONS

TORINO. Con i ritorni di Cuadrado, Bentancur e Dybala, arrivati alla Continassa ieri, è partita ufficialmente l'ultima fase del percorso settimanale della Juventus, quello che porterà alla sfida di sabato con il Genoa all'Allianz Stadium. Alla soddisfazione per il gruppo finalmente ricomposto, se si esclude l'assenza dell'infortunato Khedira, si è aggiunto per Allegri il sospiro di sollievo sulle condizioni di Paulo Dybala, uscito precauzionalmente al 57' della sfida tra Argentina e Brasile. L'attaccante argentino si è allenato con il gruppo, rilanciando la sua candidatura per sabato e per martedì prossimo, quando all'Old Trafford la Juventus affronterà il primo esame di maturità in Champions League contro il Manchester United. Nel primo allenamento a ranghi completi dopo due settimane ha svolto solo lavoro atletico Juan Cuadrado, mentre sono ormai pienamente recuperati siaRugani che De Sciglio, quest'ultimo pronto per una maglia da titolare già sabato, in una partita ricca di incognite. "Il Genoa ha cambiato da poco allenatore, vorrà fare bella figura a Torino - è il monito lanciato a tutto l'ambiente dal laterale di Allegri -. Inoltre riprendere dopo la sosta non è mai facile". Il ritmo mantenuto dai bianconeri in questi primi mesi di stagione, fatto solo di vittorie tra campionato e Champions, dovrà essere ritrovato in fretta, approcciando con il giusto atteggiamento il confronto con la squadra di Juric: "Servirà una partita tosta, vogliamo allungare la striscia positiva che ci ha dato un'enorme consapevolezza, specie in vista del mese che ci attende; a cominciare dalla partita quella contro il Genoa e contro il Manchester United". Prima il match con i rossoblu, quindi la testa al palcoscenico europeo per una partita importante ma non ancora decisiva: "Sarà comunque molto importante perché un risultato positivo ci darebbe tranquillità anche in vista della gara di ritorno". Periodo da affrontare con un De Sciglio in più per Allegri, arma tattica in grado di coprire entrambe le fasce e, come detto dal tecnico più volte, di sostituire Barzagli nel ruolo di esterno basso, più propenso alla fase di copertura che a quella propositiva. "Ho molta voglia di giocare, sto bene e sono pronto - taglia corto De Sciglio, infortunatosi nel riscaldamento del match contro il Sassuolo -. Su che fascia? Ho giocato anche a sinistra negli anni precedenti, quindi se ci fosse bisogno non ci sarebbe il problema".


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro