Ancelotti può sorridere

SERIE A/IL NAPOLI RECUPERA INSIGNE E MILIK E IL TURNOVER ORA È POSSIBILE



NAPOLI. Dopo la batosta di Torino, il Napoli riprende il cammino con una convinzione nuova dei propri mezzi e con un entusiasmo dell'ambiente che la sconfitta con i bianconeri non ha scalfito. Ancelotti è sereno e conosce bene limiti e potenzialità della sua squadra. Gli infortunati Milik e Insigne sono guariti e questo conforta l'allenatore alla vigilia di una serie di impegni ravvicinati di cinque partite che possono essere affrontate nel modo migliore. Martedì sera al San Paolo tornerà in campo contro gli azzurri il Liverpool Campione d'Europa per il primo appuntamento di Champions. Nel frattempo c'è da pensare però alla Sampdoria che nel match di domani alle 18 venderà cara la pelle anche per riabilitarsi dopo le due sconfitte consecutive in campionato. ''Al Liverpool - chiarisce Ancelotti - non abbiamo neppure minimamente pensato. La partita con la Sampdoria è per noi molto insidiosa, anche per quello che sta accadendo in questa fase attorno alla squadra a seguito delle sconfitte nelle prime due giornate di campionato. Sicuramente avremo di fronte un'avversaria molto motivata dopo un inizio di campionato non brillante. E' chiaro che avendo cambiato allenatore e giocando dunque in maniera nuova e diversa ci siano scompensi nellafaseinizialedellastagione,masiamomolto rispettosi di questo avversario che gioca bene a calcio''. L'infermeria si sfolla e questa per il tecnico è una gran buona notizia. ''Sia Milik che Insigne - dice - hanno iniziato a lavorare con la squadra e i problemi che hanno avuto sono completamente dimenticati. Ora starà a me valutare un'eventuale utilizzazione già a partire dalla gara di domani con la Sampdoria''. La condizione generale della squadra è buona. Sono arrivati i Nazionali e non hanno avuto problemi. ''Quelli che sono rimasti qui - osserva il tecnico - hanno lavorato bene e chi aveva infortuni ha recuperato. In questi giorni abbiamo cercato di mettere a posto alcune situazioni negative che sono state evidenziate nelle due prime partite. Ora affrontiamo un ciclo di cinque gare di cui quattro al San Paolo e posso comunicare già oggi che ci saranno che ci saranno rotazioni. Per me è indispensabile utilizzare tutti i giocatori a disposizione. Chi più chi meno giocherà perché la qualità della rosa mi permette di farlo''. Quasi sicuramente oggi potrà debuttare anche l'ultimo arrivato, Fernando Llorente. ''Non vi meravigliate - dice Ancelotti - se lo vedrete in campo dall'inizio. Ha dimostrato grande professionalità e serietà e si è presentato in ottime condizioni. Se un calciatore che non ha svolto la preparazione iniziale con i compagni di squadra possa giocare più o meno presto dipende da quello che l'allenatore gli chiede di fare in campo''. Ancelotti potrà contare sicuramente su Mertens e Callejon, due giocatori ai quali il Napoli pensa di allungare il contratto. ''Confermo ciò che ha detto il presidente De Laurentiis. C'è da parte nostra - ammette l'allenatore - la volontà di rinnovare. Si tratta di due giocatori estremamente affidabili sotto tutti i punti di vista. C'è la volontà da parte mia e delle socie-

tà di trattenerli''. Oggi ci sarà il debutto anche del 'nuovo' San Paolo, ristrutturato per le Universiadi. Mercoledì Ancelotti aveva polemizzato sulla mancata consegna dello spogliatoio degli azzurri, ieri ha chiuso l'argomento con una precisazione: ''Il lavori per completare il nostro spogliatoio stanno procedendo celermente e per domani spediamo che sia tutto a posto. La mia è stata un'esternazione fatta con il cuore nel senso che c'era e c'è ancora un po' di preoccupazione perché lo spogliatoio doveva essere consegnato il 31 agosto. A noi spetta sistemare gli arredi e a due giorni dalla partita se non c'è stata ancora la consegna è normale che mi debba preoccupare, per questo ho esternato la mia amarezza e delusione''.

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro