Ancora un podio azzurro


SCI ALPINO/PETER FILL SECONDO NELLA DISCESA DI VAL D’ISERE. VINCE ANCORA JANSRUD


VAL D'ISERE. Continua allegra e senza tregua la marcia trionfale degli Azzurri dello sci alpino in questo avvio di stagione che avrà al centro i Mondiali di St. Moritz a febbraio. Se il buon giorno si vede dal mattino, allora l'Italia della neve ha le carte in regola per puntare in alto nella capitale svizzera dello sci. Questa volta - in Val d'Isere, nella prima discesa stagionale - sul podio con un eccellente secondo posto è arrivato il veterano della squadra Peter Fill in 1.59.77. Quello di Fill è il secondo podio in Val d'Isere in due giorni dopo il terzo posto di venerdì di Dominik Paris in superG e dopo che, dall'altra parte del mondo e nella stessa giornata, Sofia Goggia era arrivata seconda nella discesa di Lake Louise. La stessa Goggia che una settimana prima era stata terza in gigante a Killington mentre Marta Bassino lo era stata nel gigante di Soelden. Insomma, è un elenco già lungo a cui manca solo la prima vittoria: ma sembra solo questione di ore. Il campione di Castelrotto - 34 anni, papà orgoglioso dei piccoli Leon e Noah - l'anno scorso aveva avuto fi- nalmente le soddisfazioni più grandi con la vittoria in discesa sulla leggendaria Streif di Kitzbuehel, primo Azzurro della storia della Coppa del Mondo di libera. Il tutto in una carriera che l'aveva tenuto fermo per una intera stagione dopo un terribile strappo inguinale. Fill è riuscito in questa discesa a spaccare il solito pacchetto norvegese piazzandosi alle spalle di Kjetil Jansrud, vincitore in 1.59.51 dopo aver vinto venerdì il superG, e davanti ad Aksel Svindal terzo in 1.59.84."Sono molto, molto soddisfatto di questa mia gara. In entrambe le due prove cronometrate avevo ottenuto il secondo tempo e questo mi ha dato sicurezza. Come mi ha dato la carica il poter scendere in pista in questa prima discesa stagionale con il pettorale rosso del detentore della coppa. Per questa stagione punto soprattutto ad essere sempre costante tra i migliori in tutte le gare", ha detto felice Peter.Per lui si tratta del 15mo podio con due vittorie, sei secondi e sette terzi posti oltre ad un argento ed a un bronzo mondiali. Fill è stato in vantaggio su Jansrud ai primi tre intermedi, poi ha sbagliato un pò la linea nel lungo budello centrale tutto in ombra - il punto che ha creato problemi a tutti, con vera de- bacle austriaca: il migliore solo 17mo - per recuperare velocità sul finale sino ad agguantare il secondo posto. Per l'Italia ci sono poi il 7mo posto di Domink Paris in 2.00.56 ed il 16mo di Christof Innerhofer in 2.00.95, tutti e due con problemi nel lungo tratto in ombra. Più indietro Emanuele Buzzi in 2.01.55 e Mattia Casse in 2.02.13. Oggi con il gigante si chiude la tappa di Val d'Isere che recupera le gare annullate per il caldo negli Usa, a Baever Creek. Gli Azzurri puntano ad un nuovo podio.


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro