Ariana Grande trionfa a Roma



LA CANTANTE RIEMPIE IL PALALOTTOMATICA NELLA PRIMA TAPPA ITALIANA. L’OMAGGIO A MANCHESTER

ROMA. Sul grande schermo dietro di lei il disegno che riprende il suo famoso cerchietto con le orecchie da coniglietto diventato il simbolo di One Love Manchester, il concerto benefico che ha tenuto per le vittime dell’attentato e lei al centro palco che canta con la voce spesso rotta dalle lacrime ma sempre potente ‘Over the rainbow’. E’ stato il momento più emozionante del concerto della 23enne Ariana Grande ieri sera al Palalottomatica di Roma nella prima tappa italiana (domani si replica a Torino) del suo Dangerous Woman Tour. Un momento di pathos quello dedicato dalla pop star alla città inglese al quale tutto il pubblico del palazzetto ha risposto scandendo più volte ‘Manchester Man-hester’. La paura non ha certo fermato il pubblico di Roma: bambini accompagnati da genitori che spesso per farli contenti indossavano le fasce con il nome della cantante; una valanga di adolescenti, soprattutto ragazze arrivate con poster colorati e i cerchietti con le orecchie da coniglietto per un’atmosfera da festa in un concerto nel quale l’energia è schizzata subito a mille con canzoni come ‘Be alright’, ‘Bad decisions’ o l’emozionante ‘One last time’, che la Grande nella ripresa del suo tour a Parigi qualche giorno fa aveva dedicato proprio alle vittime dell’attentato. Dal primo brano in poi nel palazzetto è scattato un karaoke collettivo e i telefonini hanno continuato a riprendere la performer che ha unito le sue capacità vocali alle coreografie con i ballerini. In un ritmo praticamente senza interruzioni la cantante ha presentato una scaletta di oltre 20 pezzi regalando al pubblico qualche saluto entusiasta, tanti ‘ciao Roma’, ‘vi amo’ e ‘grazie mille’. La scaletta costruita alternando i successi pop più scatenati (tra gli altri ‘Break free’ e ‘Into you’) ha dato spazio anche a momenti più intimi e intensi con brani come ‘Moonlight’ e un finale sontuoso con ‘Dangerous Woman’.

Per il concerto sono state allestite mi- sure di sicurezza speciali con controlli molto accurati alle entrate fatti anche con il metal-detector e il divieto di introdurre, tra gli altri, zaini, e borse grandi, lattine, bottiglie, ombrelli, tablet, videocamere e altri oggetti ‘atti a offendere’. “Non ho mai pensato di non venire, il pericolo può esserci sempre, non ci si può chiudere in casa” - dice la diciassettenne Noemi esaltata per il concerto e contenta di essere venuta dall’Umbria apposta per Ariana Grande insieme all’amica Giorgia


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro