• Redazione

Arriva la riforma degli statali



SI RIPARTE CON LO SBLOCCO DEI CONTRATTI. IL MINISTRO MADIA: BENEFICI ANCHE IN PA

ROMA. La riforma del pubblico impiego è pronta e dopo il primo via libera in Consiglio dei ministri, che dovrebbe ar- rivare alla fine della settimana, si potrà ripartire con i contratti, bloccati da sette anni. A tracciare la strada per la svolta è la ministra della P.a, Marianna Madia, che ha incontrato tutti i sindacati per un primo tavolo ufficiale sulle novità. La riforma è "il miglior biglietto da visita per esprimere la volontà" di "firmare un contratto", ha detto Madia. I sindacati però chiedono "più coraggio", anche se riconoscono "passi in avanti". Intanto il nuovo Statuto del lavoro pubblico prende forma, dagli spazi da restituire alla trattativa tra le parti a una maggiore partecipazione di lavoratori, ma anche dei cittadini, alla P.a. Riforma e rinnovi contrattuali, a cui si aggancia l'aumento di 85 euro in busta paga, viaggiano quindi insieme e i cambiamenti che non saranno inseriti nel decreto magari spunteranno nei contratti che, assicura la stessa ministra, saranno lo strumento "all'interno del quale potranno essere affrontati anche altri temi che non sono compresi nel Testo unico, aspetti molto rilevanti come il welfare aziendale". Insomma sembrano in arrivo benefit, magari detassati, anche per gli statali. La prima mossa spetta però alla riforma. La ministra ha riconosciuto che le regole vigenti non forniscono "le condizioni normative per poter chiudere un contratto, e su questo bisogna intervenire". In particolare, tra gli ostacoli, Madia ha citato un sistema di valutazione basato su "gabbie" che "rischia di togliere centinaia di euro ai lavoratori" senza dare efficienza. La bozza della riforma fa saltare le fasce di merito e demerito, apre a una partecipazione più forte dei lavoratori sulle scelte di gestione degli uffici e prevede che il contratto possa derogare alla legge nel momento in cui tocca i punti nevralgici del rapporto di lavoro (sanzioni disciplinari, valutazione, premi, mobilità). Ma per Franco Martini della Cgil non basta: "dobbiamo continuare a lavorare per andare fino in fondo". Quanto alla soluzione trovata per il precariato, a cui Madia vuole "mettere fine" il problema, sottolinea il sindacalista, "è avere certezza sul fatto che sia condivisa con il Tesoro, visto che occorrono risorse". A riguardo però la ministra sottolinea che l'operazione sarebbe a costi invariati, visto che si replicherebbe "un meccanismo già utilizzato con successo", in base a cui le "risorse già stanziate dalle amministrazioni potranno essere trasferite dai contratti a tempo determinato alle assunzioni a tempo indeterminato". La Uil con Antonio Foccillo sottolinea positivamente lo sforzo per su-erare il precariato, ma chiede di più sul "ripristino delle relazioni sindacali e il riequilibrio tra legge e contratto".

Sulla stessa linea la Cisl, che con Maurizio Bernava note ancora "molte insufficienze, ma - ammette - si è aperta una strada" e nel percorso, prima dell'ap- provazione definitiva passeranno tre mesi, "vedremo di recuperare pezzi im- portanti". Soddisfatta invece la Confsal

Unsa, per Massimo Battaglia è "un buon inizio". E così i dirigenti medici della Co- smed, che, spiegano, di "avere ottenuto rassicurazioni dalla ministra sull'acces- so - anche per la loro categoria - al pia- no straordinario di assunzioni".

La discussione sulla riforma conti- nuerà anche attraverso il web, visto che sarà aperta una casella mail dedicata a suggerimenti. Intanto si lavora agli ulti- mi ritocchi al testo prima del Cdm, ad esempio sul salario accessorio si sta va- lutando come revisionare i piani di rien- tro, nei casi in cui le amministrazioni ab- biamo sforato.

L'obiettivo sarebbe renderli un po’ più elastici e morbidi, per non colpire i lavoratori. Quanto alla 'pagelle’, vengo- no sì tolte le fasce della Brunetta ma re- sta il criterio per differenziare il merito, tanto che rimarrebbe anche il bonus per le eccellenze.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA