Atalanta: s'inchina anche la ROMA


PER LA SQUADRA DI GASPERINI, SETTIMA VITTORIA IN 8 GARE (QUINTA CONSECUTIVA)


SETTE VITTORIE nelle ultime 8 partite: la striscia dell’Atalanta sembra non conoscere una fine e nemmeno dei limiti, vedi rimonta all’ultimo tuffo (2-1 al 90') contro una Roma frizzantissima per metà gara e barricadera nella seconda, tradita al novantesimo da Paredes che abbocca alle finte di Gomez sul lato sinistro dell’area e lo stende, regalando a Kessie il successo in rimonta dal dischetto. La vittoria lancia l’Atalan- ta nelle zone altissime della classifica, e soprattutto consente alla Juve di scappare in fuga a +7 suo giallorossi. Il primo pericolo è di marca nerazzurra, con Petagna a innescare il mancino in corsa dal limite di Gomez che non trova l’angolazione necessaria. È il quarto minuto, ne mancano una cinquina al rilancio di Gagliardini sprecato dal Papu con un tiro-cross dalla destra non sfruttando l’inserimento di Spinazzola. La svettata di Fazio al quarto d’ora sul corner dalla sinistra di Salah, unico sussulto romanista in avvio, termina fuori dallo specchio, mentre i padroni di casa, assenti Conti per squalifica e Dramé per una lesione al flessore mancino non ancora smaltita, in fase di non possesso si schierano con un 5-3-2 fluido che tiene bloccato Zukanovic sulla difensiva dirimpetto all’egiziano. Botta e risposta tra 21' e 26': Gagliardini riceve da Spi- nazzola e s’incunea in area dal centrodestra saltando Rüdiger ma calcia sull’esterno, quindi Perotti imbecca vana- mente il colpo di frusta in elevazione di Dzeko (a lato di poco) e il centrattacco bosniaco fa lo stesso con Salah, che calcia di destro addosso a Berisha. Situazione quasi fotocopia alla mezzora, stavolta su filtrante di Nainggolan, col portiere atalantino a sceglie- re bene i tempi dell’uscita. L’undici di Spalletti passa dieci giri di lancetta più tardi. Strootman scucchiaia per Dzeko, che elude Zukanovic e fa la sponda per Salah, il cui tiro è stoppato con la mano da Toloi: è rigore, Perotti spiazza Berisha e porta i suoi in vantaggio segnando il suo quarto gol dal dischetto in campionato. Se il primo tempo si chiu- de con la bicicletta innocua di Gomez, servito da Spinazzola (43') e il tocco sbagliato dell’onnipresente Salah solo davanti al portiere sull’intuizione di Perotti (45'), la ripresa si apre con il cambio Masiello-D’Alessandro che spo- sta Kurtic sul centrodestra prima che il gioco si riequilibri col metronomo Freuler ed El Shaarawy rimpiazzi Salah. Doppia chance per l’Atalanta al 12': Gomez pennella da sinistra per il colpo di testa di Toloi bloccato in tuffo da Szczesny, quindi lo stesso numero 10 spara lievemente alto di sinistro sull’apertura di Spinazzola. Ma il pari è nell’aria e arriva puntuale quattro minuti dopo: Spinazzola tocca sull’out a Kessie che si porta sul fondo e crossa per Caldara, bravo e fortunato a infilare l’1- 1 di faccia sul rimpallo col portiere polacco ostacolato da Manolas. La partita cambia volto e tra il 19' e il 24' Kessie manda in crisi Bruno Peres con due percussioni, il brasiliano riesce a limitare i danni sulla prima e si affida ai compagni nel secondo caso. Proteste bergamasche al 25': Dzeko si perde Gagliardini e lo aggancia sulla caviglia, per Rocchi stavolta non c’è nulla. L’assalto al fortino giallorosso (Paredes al posto di Perotti) continua e al 31' solo il legno ferma Freuler nella sua puntata in area. Al 39' il mancino di prima intenzione di Gagliardini (traversone del Papu) è contrastato efficacemente da Ma- nolas, poi l’episodio chiave: Paredes ci casca, Kessie fissa il risultato dagli undici metri e corrobora i sogni d’Europa dei suoi tifosi.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA