Attesa per il piano Fca



DOMANI MARCHIONNE SVELA LE STRATEGIE FINO AL 2022

TORINO. Sono giorni di grande lavoro per Sergio Marchionne che a Torino mette a punto con i suoi collaboratori più stretti gli ultimi dettagli del piano industriale 2018-2022 di Fca. La presentazione ufficiale avverrà domani nel centro di Balocco (Vercelli) - dove l’amministratore delegato aveva presentato nel 2004 il primo piano - ma continuano a trapelare indiscrezioni sulle linee strategi- che del gruppo. E sulla scia dei rumors il titolo Fca vola in Borsa e chiude in rialzo del 4,01% a 19,01 euro. I l piano che si delinea avrà al centro i brand Maserati e Alfa Romeo, per i quali si ipotizza la costituzione di un’unica divisione: rimarrebbero due società distaccate, ma verrebbero considerate insieme dal punto di vista dei report finanziari. Se questa ipotesi fosse confermata potrebbe essere anche un primo passo verso un futuro spin off dei due marchi del lusso. Dell’Alfa Romeo si sa chefinirà la produzione della Mito a Mirafiori, che dovrebbe essere sostituita da un crosso- ver, mentre resta da definire l’erede della Giulietta. Per Maserati si pensa a un suv grande che potrebbe essere prodotto a Mirafiori dove sui fa già il Levante o a Grugliasco, mentre il coupè Alfieri potrebbe essere prodotto a Modena. Il marchio forte è Jeep che nel piano farà la parte del leone: dovrebbe raddoppiare le vendite nel 2022 rispetto a 1,4 milioni di unità del 2017, con un’espansione in Asia, Brasile ed Europa. Dovrebbe essere ridimensionato il marchio Fiat che potrebbe lasciare Stati Uniti e Cina per concentrare l’attività in Europa e in Sud America. In Italia resterà la produ- zione della 500X a Melfi, mentre quella della Panda sarà spostata da Pomigliano in Polonia. Non sarà più prodotta la Punto, a 25 anni dal lancio e oltre 9 milioni di esemplari, non è certo il futuro della Tipo realizzata in Turchia. Tutta la produzione italiana sarà concentrata sui modelli del lusso e sui suv. Marchionne, che lascerà Fca nella primavera del 2019 e affiderà il piano al suo succes- sore, dovrà indicare soluzioni in tema di automazione, di guida autonoma, le risposte del gruppo alla sfida dell’elettrificazione, il futuro degli stabilimenti che producono i motori diesel per le auto (è il caso di di Pratola Serra, mentre la Vm di Cento fornisce motori diesel sui modelli Ram considerati Truck e pertanto meno coinvolti dalle limitazioni previste per le auto). All’amministratore delegato di Fca - che ha promesso di indossare la cravatta se l’obiettivo di azzerare il debito industriale sarà stato raggiunto - e al presidente John Elkann i sindacati chiedono certezze sull’obiettivo della piena occupazione negli stabilimenti italiani.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA