Auto/Il mercato stabile a luglio, tonfo per FCA (-19,4%)

di Amalia Angotti 



TORINO. Il mercato italiano dell'auto è stabile a luglio, con 152.800 immatricolazioni (-0,1% rispetto allo stesso mese del 2018), mentre il consuntivo dei primi sette mesi dell'anno chiude a quota 1.235.698 con una flessione del 3,1%. Va male il gruppo Fca che registra un calo del 19,37% con 34.020 immatricolazioni e perde oltre 5 punti di mercato dal 27,59% al 22,26%. Non bastano i buoni risultati di Jeep che cresce del 3% e conquista il 4,9% del mercato e della Lancia con vendite in aumento del 25%. Nei primi sette mesi dell'anno Fca ha venduto complessivamente 300.867 vetture, con una flessione del 12,83% rispetto all'analogo periodo del 2018. La quota di mercato passa dal 27,08 al 24,35%. Tra i gruppi stranieri Volkswagen cresce a luglio dell'11,15% con Seat che quasi raddoppia le vendite nel mese, mentre Audi registra un calo del 15,5%. Bene Peugeot con tutti i principali marchi in crescita a doppia cifra, mentre Renault chiude il mese con 2.000 immatricolazioni in più. Cresce Suzuki, mentre Toyota perde il 4,9% e Nissan oltre il 20%. Per Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, il mercato italiano arranca a causa della situazione economica, della demonizzazione del diesel e della politica del governo che viene indicata come freno alla domanda dal 34% dei concessionari. Per questo - per il Centro Studi Promotor - il 2019 dovrebbe chiudersi a quota un milione e 835mila unità, con un calo del 4% sul 2018 e del 26,4% se confrontato con i volumi ante-crisi del 2007. L'Unrae, l'associazione delle case estere, rivede invece leggermente al rialzo le stime per l'anno: 1.860.000 immatricolazioni circa, 50.000 unità in meno rispetto al 2018, con una flessione del 2,6%. Record negativo per le auto diesel che toccano, nel mese, la quota di mercato più bassa da settembre 2001, pari al 37% (un anno fa, a luglio 2018, era del 50,8%). Le auto ad alimenta- zione alternativa conquistano il 18% del mercato, la quota più alta dal 2015, con volumi in crescita del 13%. A questo risultato contribuiscono, in particolare, le auto a Gpl (+12%), le ibride tradizionali (+14%, nonostante si tratti della crescita più bassa del 2019), le vetture a metano (+18%, che tornano ad avere un segno positivo dopo quasi un anno) e le vetture elettriche (+47%).

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro