Avellino: rimonta e vetta



SERIE B/PRIMI 3 PUNTI DELLA PRO VERCELLI. LO SPEZIA VINCE IN DIECI

AVELLINO- EMPOLI 3-2

AVELLINO. Un grande Avellino piega in rimonta l’Empoli e vola inaspettatamente in vetta alla classifica. La gara inizia tutta in salita per gli irpini, gelati già all’11' da Donnarumma che riceve un pallone al limite da Bennacer e, dopo un bel controllo di petto, lo scaraventa in rete con un pregevole destro al volo in girata. L’Avellino manca il pari con Castaldo, subentrato a Morosini, infortunatosi al ginocchio, e Ardemagni e, in avvio di ripresa (47'), viene punito ancora: lo 0-2 lo firma Zajc con una perfetta punizione a giro da 25 mt. Sembra finita e, invece, con l’ingresso di Bidaoui, l’Avellino cambia marcia e ribalta il risultato. Proprio da una punizione guadagnata dal marocchino nasce l’1-2 al 53': Di Tacchio dal vertice sinistro dell’area mette il calcio piazzato sulla testa di Kresic che insacca in diagonale. Un’ingenuità di Seck consente ai biancoverdi di pareggiare. L’ex romanista si fa anticipare in area da Castaldo e lo atterra. Rigore che il centravanti trasforma con freddezza. Sulle ali dell’entusiasmo l’Avellino insiste e, al 69', trova il gol-vittoria con un perfetto colpo di testa di capitan D’Angelo su cross dalla sinistra di Laverone. L’Empoli, ridotto dall’83' in 10 per l’espulsione di Krunic per proteste, non trova le forze per reagire e rischia di subire anche il 4-2 nel finale ancora da D’Angelo.

BRESCIA- PERUGIA 2-1

BRESCIA. Il Perugia cade a Brescia e si fa riprendere in vetta alla classifica. Gli umbri rischiano già nel primo tempo: sfiorano il vantaggio con un colpo di testa di Di Carmine, salvato sulla linea da Furlan, ma vengono graziati in due circostanze dai padroni di casa che sciupano due ghiotte occasioni con Rispoli e Ferrante. Il Perugia parte determinato in avvio di ripresa e al 49' passa con un perfetto colpo di testa di Han su cross dalla sinistra di Pajac. Il Brescia si rimbocca le maniche e, grazie al subentrato Caracciolo, ribalta la situazione: l’”Airone” al 67' pareggia sorprendendo un incerto Rosati con un tocco di destro in scivolata su cross dalla sinistra di Machin. Quindi, all’80', fornisce a Bisoli l’assist per il decisivo 2-1: rimette in mezzo un pallone da sinistra che il centrocampista scaraventa al volo sotto la traversa.

ASCOLI- PALERMO 0-0

ASCOLI PICENO. Finisce 0-0 fra Ascoli e Palermo in un match che le due squadre hanno affrontato più per non perdere piuttosto che cercare la via della rete. Nel Palermo ha pesato l’assenza dello squalificato Nestorovski. Nel primo tempo l’Ascoli ci ha provato con due colpi di testa di Favilli (22') e Addae (33') finiti di poco alti. Nella ripresa l’unica palla gol per il Palermo arriva al 5' ma il portiere dell’Ascoli Lanni è stato decisivo nel respingere in uscita bassa il sinistro di Rispoli.

SPEZIA- BARI 1-0

LA SPEZIA. In 10 contro 11 lo Spezia piega il Bari e lo scavalca nella corsa ai ply-off. I pugliesi giocano meglio nel primo tempo ma mancano due buone occasioni per sbloccare il risultato con Fiamozzi e Tello. Lo Spezia prova a venir fuori nella ripresa ma a complicargli i piani pensa al 75' Capelli che si fa espellere per somma di ammonizioni. Malgrado l’inferiorità numerica, le aquile non rinunciano a contrattaccare e all’84' vengono premiate: il gol-vittoria lo realizza Lopez con un gran sinistro in diagonale.

CARPI -PESCARA 0-1

CARPI. Colpo grosso del Pescara. Un successo che porta gli uomini di Zeman in zona playoff. Gli abruzzesi in avvio rischiano sulle conclusioni di Sabbione e Mbakogu. Poi, però, prendono le misure agli avversari e passano: il gol vittoria lo sigla al 37' Capone con un tiro sottomisura su cross dalla destra di Coulibaly. Sulle ali dell’entusiasmo il Pescara insiste ma manca il colpo del ko con Del Sole e Pettinari. Il Carpi reagisce solo nel finale fallendo due occasioni per pareggiare con Pasciuti e Jelenic.

PROVERCELLI- CESENA 5-2

VERCELLI. Prima vittoria in campionato per la Pro Vercelli. Cesena (privo di Cacia) avanti al 7' con Dalmonte, pareggio di Bergamelli al 18' ma ancora un disimpegno non ottimale dei bianchi permette a Jallow (22') di siglare il 2-1. Nella ripresa la Pro ha un altro piglio e dopo un errore in contropiede del Cesena torna sul pari con il neoentrato Rovini (14') e poi sorpassa con Raicevic (18') e Firenze (24'). Alla mezz’ora, Cesena in dieci (rosso diretto per Scognamilio) e Pro che su rigore con Vives firma il 5-2 che chiude.

TERNANA -VENEZIA 2-3

TERNI. Il Venezia passa alla prima azione, al secondo minuto di gioco con il gol di Zigoni. Nella ripresa al 12' arriva il raddoppio degli uomini di Inzaghi su azione rocambolesca e autogol del portiere. Al 38' Montalto trova il primo gol per la Ternana grazie a l’assist di Albadoro per Tiscione. Pochi secondi dopo Defendi recupera una palla a centrocampo e mette in movimento Varone che si incunea e segna il 2-2. Ma non è finita perché al 46', su calcio d’angolo di Bentivoglio, il Venezia trova la rete del 2-3 con il colpo di testa di Domizzi.

CITTADELLA- ENTELLA 0-1

CITTADELLA. Il Cittadella cade a sorpresa in casa e manca l’occasione per volare in vetta. I veneti partono bene, impegnando subito Iacobucci con Settembrini, ma poi lasciano campo ai rivali. L’Entella fa le prove generali con Luppi, Pellizzer e Diaw e in pieno recupero di primo tempo passa con merito: il gol lo segna Troiano che trasforma un rigore concesso dall’arbitro Martinelli per un fallo di Pezzi su Luppi. Il Cittadella prova a reagire nella ripresa ma manca la migliore opportunità per pareggiare con Iori.


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro