• Redazione

Avvio da incubo per Conte


PREMIER LEAGUE/CHELSEA, SECONDA BATOSTA: KO CASALINGO CONTRO IL BURNLEY


ROMA. Una giornata, nemmeno completa, di Premier League cancella in un colpo un mese di amichevoli, raduni, e tournée mondiali. Il primo turno del campionato più famoso del mondo regala subito adrenalina pura. Se la sfida infinita tra Arsenal e Leicester di venerdì, vinta 4-3 in rimonta nel finale dai Gunners, è stata l’antipasto, a far clamore è la sconfitta subita a Stamford Bridge da campioni in carica del Chelsea, che steccano malamente all’esordio perdendo 3-2 in casa col modesto Burnley.

Non basta. Il Liverpool di Klopp è raggiunto sul 3-3 dal Watford al 94' e la matricola Huddersfield sbanca 3-0 il campo del Crystal Palace.

I titoli saranno però tutti per la falsa partenza, anche se in parte prevedibile, dei Blues di Antonio Conte, già scottato dalla sconfitta con l’Arsenal in Community Shield. Le incertezze e i ritardi di mercato erano stati messi in evidenza dal tecnico italiano, preoccupato per l’assenza di alternative, e la ristrettezza della rosa è emersa in maniera impietosa col Burnley.

Il ko potrebbe rivelarsi un detonatore per le tensioni accumulate nelle ultime settimane.

NeapprofittailBurnley,acuibasta il primo tempo per ipotecare i tre punti grazie a tre gol ma soprattutto a un dominio incontrastato. Agevolati dall’espulsione in apertura di capitan Cahill,autorediunbruttofallo,gliospiti vanno a segno due volte con Vokes e una con Ward.

Nella ripresa Conte getta in campo anche Alvaro Morata che accorcia subito. Ma a frustrare le speranze di rimonta dei tifosi dei Blues è l’espulsione per doppia ammonizione di Cesc Fabregas.

Allo scadere i campioni vanno a segno anche con David Luiz, su assist di Morata,ma è troppo tardi per evitare la sconfitta. Rimugina sui propri, relativi, problemi anche Juergen Klopp, dopo la vittoria gettata al vento dal suo Liverpool a Vicarage Road, la “tana” del Watford, dove vanno in gol tre ex della serieA. Sotto due volte per il gol di Okaka (8') e Doucorè (32'), dopo il parimomentaneodiManè(29'),iReds sono bravi a capovolgere la situazione prima con Firmino (10' st su rigore) e poi con Salah (12'), ma l’ex Napoli Britos a sorpresa sigla il definitivo 3-3 al‘94’. A suo modo storico il gol di Wayne Rooney che, lasciato il Manchester United dopo una vita, regala la vittoria all’Everton, squadra dei suoi esordi, contro lo Stoke City. Nell’ultima partita della giornata, il Manchester City ha vinto 2-0 in casa della matricola Brighton, con rete di Aguero e autorete di Dunk nella ripresa. Oggi in campo il Tottenham, a Newcastle, e lo United che ospita il West Ham.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA