Avvocato ucciso in un agguato


FRANCESCO PAGLIUSO ASSASSINATO A LAMEZIA TERME, ERA IN AUTO NEL GIARDINO DI CASA


LAMEZIA TERME (CATANZA- RO). Aveva un'attività professio- nale molto variegata ed una mol- teplicità di rapporti l'avvocato Francesco Pagliuso, di 43 anni, ucciso nella tarda serata a Lamezia Terme da un sicario che lo ha atteso nel giardino di casa.

L'assassino, dopo avere pra- ticato un foro nella recinzione del giardino, ha atteso il rientro del- l'avvocato e quando il professio- nista é arrivato, alla guida della sua automobile, lo ha freddato con due colpi sparati con un revolver, dandosi poi alla fuga. Un'esecuzione in piena regola che non ha dato scampo a Pagliu- so, che non ha potuto neppure abbozzare un tentativo di fuga o di reazione.

L'omicidio dell'avvocato Pa- gliuso, noto negli ambienti foren- si non solo calabresi,con un va- sto giro di clienti, molti dei quali legati ad ambienti della 'ndran- gheta e della criminalità in genere, suscita inquietanti interroga- tivi sulla recrudescenza della cri- minalità a Lamezia Terme, dove occorre risalire al 2002 per registra- re l'assassinio di un altro avvocato.

All'epoca ad essere ucciso fu Torquato Ciriaco, di 55 anni, assassinato anche lui in un agguato mentre era alla guida della pro- pria automobile.

Ma se per il movente dell'omi- cidio di Ciriaco non é mai emerso alcun legame con l'attività profes- sionale della vittima, per l'assas- sinio di Francesco Pagliuso la possibilità che il motivo della sua uccisione sia in qualche modo legato alla sua attività di avvoca- to viene presa in seria considera- zione.

Inquirenti ed investigatori, comunque, si sono subito affrettati a precisare che per il movente dell'assassinio di Pagliuso non é ancora emersa una pista investigativa precisa e che in questo senso, dunque, non si esclude alcuna ipotesi. Ed il primo a dirlo

a chiare lettere é stato il Procura- tore della Repubblica facente fun- zioni di Lamezia, Luigi Maffia.

"Non escludiamo nulla e, allo stato - ha detto il procuratore Maffia - non si può restringere il campo investigativo a una sola ipotesi. Le indagini, in altre paro- le, sono a 360 gradi. Il fatto, indubbiamente é molto grave an- che perché la vittima era molto conosciuta in svariati ambienti ed aveva una molteplicità di clienti

operanti in vari settori. Occorre valutare, dunque, tutte le componenti. Per questo, allo stato, non possiamo escludere alcuna ipotesi".

Di "città attonita e sgomen- ta" per l'assassinio di Pagliuso ha parlato il sindaco di Lamezia, Paolo Mascaro, secondo il qua- le l'omicidio del segretario della Camera penale lametina "rappre- senta un colpo allo stomaco che fa ripiombare la città all'epoca dei suoi anni più bui". Solidarietà ai familiari di Pagliuso é stata espressa anche da Beniamino Migliucci, presidente dell'Unione delle Camere penali italiane, e dal- l'intera Giunta dell'organismo, che parlano di "barbaro assassinio".


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro