Azoulay alla guida dell’Unesco



PARIGI. Smentiti tutti i pronostici. Al- l'indomani dell'annuncio Usa sull'addio all'Unesco, seguito a ruota da quello su una possibile uscita di Israele, la candi- data francese, Audrey Azoulay, conqui- sta la poltrona di direttrice generale, staccando di appena due punti il princi- pale sfidante del Qatar, Hamad bin Abdulaziz Al-Kawar, fino a pochi giorni fa indicato tra i favoriti per assumere la guida dell'organismo Onu.

Nell'ultimo round di votazioni del con- siglio esecutivo, con i delegati dei 58 Stati membri riuniti in 'conclavè a Parigi da quasi una settimana, Azoulay si è im- posta con 30 voti - minimo indispensa- bile per la vittoria - contro i 28 di Al Kuwari. Il risultato deve ora passare per la ratifica dalla Conferenza generale Unesco, prevista il 10 novembre, con la proclamazioneufficialecinquegiorni dopo. Esulta l'amministrazione del pre- sidente Emmanuel Macron per quello che a detta di molti è un risultato insperato.

Dal 1945, infatti, l'ambita poltrona è stata occupata da europei, americani, un asiatico e un africano, e i Paesi arabi ri- tenevano questa volta che fosse arriva- to il loro turno, tanto da schierare quat- tro pretendenti in lizza: oltre a Qatar ed Egitto (la candidata del Cairo Moushira Katthab si è piazzata terza) anche Liba- no e Iraq, che però alla fine si sono riti- rati.

Dopo gli annunci di Washington e Tel Aviv di giovedì, furiosi per quelli che ritengono pregiudizi 'anti-israeliani’ in seno all'organismo - tra riconoscimento della Palestina e raffica di risoluzioni contro lo Stato ebraico - Parigi ha cerca- to di tirare acqua al proprio mulino sot- tolineando che, viste le "circostanze", la candidatura di Azoulay, franco- marocchina di famiglia ebraica e al tem- po stesso figlia di un fedelissimo consi-

gliere personale dei re del Marocco (se- condo la tradizione discendenti diretti di Maometto) "assumesse un nuovo si- gnificato".

L'Unesco - insisteva il Quai d'Orsay - ha più che mai bisogno di un progetto nel quale tutti gli Stati membri possano riconoscersi, che ripristini la fiducia e superi le divisioni politiche ponendosi unicamente a servizio" delle sue missio- ni "essenziali": Scienza, Educazione e

Cultura. Scommessa vinta. Oggi è pro- prio lei a prendere il posto della bulgara uscente Irina Bokova. E da Israele arri- va un timido segnale di apertura. "Con Audrey Azoulay - ha detto l'ambascia- tore israeliano, Carmel Shama-Hacohen - abbiamo stabilito di incontrarci e di mantenere un canale aperto e diretto tra di noi, nonostante gli eventi più recenti. Lei comprende certamente la complessi- tà della situazione e capisce anche che cambiarla non sarà un picnic".

Congratulazioni dal Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini. "In un momento delicato per l'Unesco", la candidatura francese, "fortemente sostenuta dall'Ita- lia", pone le basi per un rilancio dell'azio- ne dell'Unesco a tutela del patrimonio culturale e alla valorizzazione della cul- tura come strumento di dialogo".

"Con Audrey - conclude Franceschini -abbiamolavoratoassieme,rafforzando ancora di più il legame Italia e Francia sul comune terreno della Cultura, e ora sono certo sarà punto di equilibrio e for- za per l'Unesco nel suo nuovo prestigioso ruolo".

Prima, dunque, del voto finale a Pari- gi, la Germania aveva "deplorato" l'usci- ta degli Stati Uniti. "Così si dà un segna- le sbagliato", il rimprovero rivolto all'am- ministrazione di Donald Trump dal por- tavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert, che ha sottolineato "l'importan- za del ruolo della cultura in tempi di crisi globale". Tuttavia, ha continuato, anche il governo tedesco ha criticato in passa- to "la tendenza alla politicizzazione" del- l'organizzazione e Berlino spera che col nuovo direttore generale in futuro "si possano evitare abusi a fini politici".

In alto, l’ex ministro della Cultura francese Audrey Azoulay eletta alla guida dell’Unesco (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization). Ansa


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro