Azzurro Smarrito



Russia 2018/Identità, gioco e uomini sbagliati: l’Italia rischia il fallimento

MILANO. A un passo dal baratro calcistico (oltre al danno di immagine e passione, su una partecipazione o meno degli azzurri al mondiale di Russia, il più ricco di sempre, ballano 100 milioni di euro) l’Italia riscopre l’antica abitudine della ricerca di un colpevole. Che poi, nel caso le cose precipitino definitivamente, diventi capro espiatorio. Fermo restando che con un commissario tecnico della nazionale vicina all’eliminazione dal mondiale il meccanismo è automatico, la considerazione più onesta è che a essere in crisi d’identità è un movimento intero e non solo un uomo di professione ct. Il quale però in questi mesi ha sbagliato molto, aiutato a prendere la china sbagliata dai suoi giocatori. Ecco un breviario dei principali errori dell’uno e degli altri: con l’auspicio dei tifosi azzurri che 48 ore bastino a correggerli. GLI ERRORI DI VENTURA IL MODULO (E IN GE- NERALE L’IDENTITÀ DI SQUADRA). Partito col 3-5-2, eredità azzurra di Conte ma anche modulo di elezione dell’attuale ct ai tempi del Torino, ha poi virato su uno spregiudicato 4-2-4 che ha tolto certezze a diversi azzurri: probabile non ci fosse il tempo per trovarle, ma allora risulta ancora più paradossale vedere Insigne giocare da esterno per poi ritrovarlo a fare il terzino, come accaduto a Madrid. Dopo il pari con la Macedonia è stata la squadra a chiedere un ritorno all’antico: segnale di un’identità smarrita, un brancolare nel buio che ricorda in qualche modo il secondo biennio dell’era Prandelli, quello che portò l’Italia al nefasto epilogo del Mondiale brasiliano. LA CAPACITÀ DI SCELTA DEI SINGOLI: Insigne è l’emblema, così diverso il rendimento tra Napoli e Italia da indurre al sorriso anche lui (“in azzurro viene mio fratello, è vero”) . E c’è altro: contro la Spagna lui sembra mandato allo sbaraglio, ma in campo va anche Spinazzola fermo da un mese per la lite con l’Atalanta. Nelle ultime due partite del girone, fermi De Rossi e Verratti, la rinuncia a Jorginho lascia l’Italia con i soli Gagliardini e Parolo in mezzo al campo; tranne poi richiamare l’italo-brasiliano per la doppia sfida alla Svezia. Nella prima, la scelta più contestata è quella di Belotti: per sostituire il riscoperto Zaza, Ventura impiega il centravanti appesantito dai postumi dell’infortunio al ginocchio, che così corre e sbuffa contro gli svedesi senza costrutto, dilapidando energie per il ritorno. E quando entra Eder, è già tardi. IL GIOCO E LE IDEE: Gian Piero Ventura da tecnico ha detto spesso come per lui allenare sia una “goduria”, l’ambiente azzurro ha riconosciuto all’inizio del rapporto nel nuovo ct “un maestro di calcio”. Eppure il calcio frizzante si è visto solo come frutto dell’entusiasmo iniziale, sull’onda dei giovani. Poi la nazionale ha dato l’impressione di faticare ad apprendere e mettere in pratica i suoi concetti, 4-2- 4 in testa. Non si vede una sovrapposizione, né uno schema particolare. E le idee sono rimaste una linea di frattura tra il ct che smania in panchina e i giocatori sperduti in campo. IL LINGUAGGIO DEL CORPO: Il Ventura insofferente di Stoccolma, colto a lamentarsi con i suoi collaboratori in panchina più che ad urlare indicazioni in campo, ricorda Trapattoni nella sua parabola discendente, quando scalciava bottigliette in Giappone, altro Mondiale negativo. Quelle scenate sono inammissibili a certi livelli, e trasmettono sfiducia. ... E QUELLI DEI GIOCATORI IL MODULO RICHIESTO Quello di Stoccolma era il modulo preferito, perfezionato nei meccanismi contiani, e allora perché tanta fatica ad interpretarlo? Palla lenta nella circolazione e giocatori non a loro agio indicano mancanze individuali. Che crescono se si considera l’approccio alla partita. “Mi è sembrato che si andasse giù al primo contatto”, la dura considerazione di Andrea Pirlo


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA