Bambini portatori di morte


IL PICCOLO SALVATO AD ALEPPO E IL BABY KAMIKAZE IN TURCHIA


Il mondo non si è ancora levato dagli occhi quel bambino siriano scampato alla morte e già ci è entrato nelle orecchie un altro bambino, quello che ha portato la morte. Alla vittima viva è succeduto sul palcoscenico il portatore di strage, primo fra i morti. A distanza di pochi giorni e anche di pochi chilometri. Quello che chiamano kamikaze (ma sarebbe ora di rinunciare a questa denominazione impropria e ingiuriosa per la memoria dei veri kamikaze, piloti suicidi su obiettivi militari e dunque nientetari e dunque nienteaffatto terroristi), cui hanno fatto indossare quel panciotto di dinamite che ha fatto a brani altre cinquanta persone oltre a lui, è vissuto ed è esploso in un posto della Turchia a minima distanza dalla Siria. Apparteneva quasi certamente a un’etnia, quella curda, che è sparsa come minoranza senza patria in entrambi i Paesi oltre che in Iraq e in Iran. Sono da un secolo le vittime di una riscrittura della carta geografica sbagliata e incosciente da parte dei vincitori della Prima guerra mondiale e affossatori, fra le tante altre cose, dell’Impero Ottomano. La Turchia, che gli è succeduta, non viene spesso catalogata fra le terre coinvolte nella crisi e nei conflitti del Medio Oriente, ma ne è storicamente e geograficamente parte. È un Paese della Nato, è stato come tale coinvolto nella Guerra Fredda, ha un’antica rivalità con la Russia, ma per il resto è legata, dalla geografia e dalla religione al Medio Oriente, al mondo islamico che oggi fa tremare il resto del mondo. I curdi hanno motivi propri, antichi rancori, legittime aspirazioni ad avere una patria ed è surreale pensare che si possa un giorno “risistemare” con una certa equità quell’area del mondo senza risolvere almeno in parte il loro problema che si chiama patria. Siamo più informati del solito, in queste settimane, sugli sviluppi di questa contesa. Da vari fronti. I peshmerga curdi sono tra le fazioni militarmente più forti nelle confuse e sanguinose guerre civili in Irak e in Siria e sono attivi anche in Turchia, prevalentemente ma non solo con strumenti pacifici o almeno politici ed elettorali. Sono però anche bersaglio nelle repressioni del regime di Ankara, soprattutto da quando Erdogan ha colto l’occasione del fallito golpe, dato e non concesso che egli sia stato l’istigatore, perinasprire la repressione e l’emarginazione di questa importante minoranza etnica nello Stato che egli regge. Secondo ogni apparenza e ogni logica (ammesso quest’ultima sia applicabile in quel contesto e in quella geografia) il regime turco non dovrebbe entrarci con l’ultima strage. Circostanze, geografia, metodi richiamano tutti una responsabilità dell’Isis, che potrebbe avere cercato fra dei civili curdi una vendetta per le sconfitte così spesso ormai subite dai peshmerga sui campi di battaglia. Ma l’aver colpito in Turchia e non adi qua della frontiera così prossima con la Siria, fa supporre che ci sia anche un “messaggio” al governo, o al dittatore, di Ankara, colpevole agli occhi dei jihadisti di avere ripreso almeno un abbozzo di dialogo con la Russia, oggi principale nemico militare del Califfato. Erdogan non può non sentirne il bisogno se è vero che è impegnato, ossia in questo facilitato dalla situazione del dopo golpe, in un tentativo di trattenere il Paese che potrebbe essere sull’orlo del caos. In base all’antica e fondatissima massima che “il nemico del mio nemico è mio amico” Erdogan può essere tentato di capovolgere certe posizioni, a cominciare dalla ripre- sa dei colloqui con Putin, fino a ieri massimo nemico e oggi forse trasformabile in un partner. Non certo a buon mercato perché l’uomo del Cremlino difficilmente fa regali, soprattutto in questa fase del suo sforzo di ricostruzione del ruolo di grande potenza (anche se non più Super-potenza) della Russia. Che ha problemi gravi e acuti con molti Paesi del Medio Oriente ma non ne ha avuti mai con i curdi, cui potrebbe anche stendere una mano. Se li trova già allea- ti nelle operazioni militari in Siria contro l’Isis e l’altra formazione militare jihadista Nusra, affiliata ad al Qaeda. Può essere dunque davvero stata una rappresaglia degli integralisti contro un popolo musulmano ma schierato dal- l’altra parte. Ma l’ultima strage potrebbe anche essere stata un “messaggio” alla Turchia. Può avere avuto, insomma, più di un destinatario il “monito” cucito nel gilet dell’ennesimo bambino martire. Quello ridotto a brandelli e di cui non abbiamo dunque un ritratto. Ma che pure è fratello mag- giore di quello scampato alle bombe che cadono dal cielo su Aleppo.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA