Belotti: asta per due



MERCATO/United (che deve sostituire Ibra) e Milan: 70 milioni per la punta del Torino

ROMA. Luciano SPALLETTI (Inter) è ufficiale, Eusebio DI FRANCESCO (Roma) e Cristian BUCCHI (Sassuolo) quasi. Il mosaico delle panchine è ormai completato e tanto basta per accendere la fantasia degli operatori di mercato. Sono sempre gli attaccanti a tenere banco, con Alvaro MORATA e il gallo BELOTTI oggetto del desiderio di tante big, Milan in primis. Ieri la stampa spagnola parla di un colloquio chiarificatore dell’attaccante con il Real nel corso del quale avrebbe chiesto la cessione (viste anche le insistenti voci che vorrebbero i campioni d’Europa sulla tracce di MBAP- PÈ): ma non c’è il club rossonero in pole sull’ex juventino, bensì lo United di Mourihno che avrebbe presentato un’offerta di 70 milioni, al momento respinta. Più o meno quello che il Milan sarebbe pronto a presentare a Cairo per Belotti (50 più LAPADULA). Ma i Red Devils sono i favoriti vista anche l’uscita di scena di Zlatan IBRAHIMOVIC, da ieri ufficialmente svincolato. In attesa di ufficializzare Di Francesco, la Roma comincia a lavorare sulla rosa che verrà: da Sassuolo dovrebbe seguire il neotecnico Lorenzo PELLEGRINI, ma non è un mistero che ci sono anche DEFREL, ACERBI e il terzino ADJA- PONG nella lista di Monchi. Occhi puntati anche su Darmian, mentre MARIO RUI potrebbe lasciare la capitale direzione Napoli dove c’è il suo ex tecnico Sarri. Se SALAH si accaserà al Liverpool, il sostituto dell’egiziano potrebbe arrivare dalla Ligue1 (THAUVIN) dove non si perde di vista anche l’ivoriano del Nizza, Jean Michel SERI. Stesso discorso vale per l’Inter, costretta a fare cassa prima del 30 giugno: Spalletti, che avrà RUDIGER e DALBERT, vorrebbe confermare PERI- SIC, mentre sarebbe più morbido sulla cessione di BROZOVIC che ha mercato in Russia (lo cercano lo Spartak Mosca di Carrera e lo Zenit di Mancini). SCHICK è sempre più vicino alla Juventus ma non c’è ancora il nero su bianco e soprattutto il giocatore deve eventualmente decidere se restare un altro anno a Genova. Per sostituirlo, Giampaolo vorrebbe uno tra CICIRETTI del Benevento e SPINAZZOLA dell’Atalanta che continua a resistere alle avances del Milan su CONTI (c’è già l’accordo tra calciatore e club che intanto avrebbe sondato anche TOLISSO). Così come a quelle della Lazio che ha chiesto notizie su FREULER, PETAGNA e il papu GOMEZ. Il Napoli, che sta per definire il rinnovo di GHOULAM, ha presentato una prima offerta per SUSO (16 milioni contro i 20 richiesti) al Milan che continua il casting per il futuro centravanti: detto di Morata e Belotti, nelle ultime ore è tornato in auge AUBAMEYANG ed è circolata anche la voce DIEGO COSTA, ma l’ingaggio monstre dell’ispano-brasiliano la rende strada assai difficile. Più facile semmai arrivare a KALINIC sul quale si sarebbe mosso anche Walter Sabatini (ma per lo Jiangsu). Per sostituirlo, la Fiorentina pensa a EDER e PAVOLETTI (sul quale ci sono anche Genoa, Udinese e Torino), mentre il resto ruota intorno al nome di BERNARDESCHI: resta o va via? Con i soldi ricavati (i Della Valle lo valutano 50 milioni) Corvino potrebbe sistemare il centrocampo (DIALLO, EYSSERIC, BASELLI i nomi sondati) e l’attacco. Il dopo-Biglia in casa Lazio si chiama DE ROON: secondo la stampa britannica, sarebbe l’ex centrocampista dell’Atalanta la prima scelta di Tare per sostituire l’argentino: 13,5 milioni la richiesta del Middlesbrough. L’alternativa porta a BADELJ. Nessuno novità invece su KEI- TA, per ora irremovibile nella sua decisione di non rinnovare o accettare il Milan. Il senegalese ha scelto la Juventus che non ha fretta là davanti (deve solo scegliere dove investire il tesoretto Champions tra DOUGLAS COSTA, BERNAR- DESCHI e DI MARIA) mentre lavora sui nomi di centrocampo fatti da Allegri, dalsogno VERRATTI (ma il Barcellona è in pole) a N’ZONZI, da MATIC a PAREDES, mentre su TOLISSO c’è da registrare il sorpasso del Bayern Monaco. In uscita LEMINA, mentre restano da valutare le eventuali super offerte per ALEX SANDRO, BONUCCI (anche se Chiellini ha fatto sapere che resterà), con DANI ALVES che aspetta in rinno- vo, pronto a volare altrimenti in Premier. Domenico CRISCITO è nel mirino del Genoa. Il terzino in forza allo Zenit San Pietroburgo ha infatti ricevuto un’offerta proprio dalla società rossoblù che sogna di riportarlo a casa. Criscito, 30 anni compiuti a dicembre scorso, è cresciu- to nel settore giovanile del Genoa e con il Grifone ha disputato oltre 150 gare tra serie A e serie B senza mai nascondere il sogno di tornare un giorno al Ferraris. Attualmente è ancora sotto contratto con la squadra russa sino al 2018 a quasi 3 milioni di euro a stagione. Il Genoa avrebbe offerto un contratto di cinque anni a 1,2 milioni di euro a stagione. Non solo Criscito però nel futuro della società del presidente Preziosi. Mattia Perin ha utilizzato il sito ufficiale per confermare che non ha nessuna intenzione di partire: “Resterò al Genoa il prossimo anno con tanta voglia di riscatto e per prendermi una rivincita insieme ai nuovi e vecchi compagni. Punto a essere pronto per il ritiro, per la prima amichevole”. Così come Perin anche l’esterno uruguaiano Laxalt si vede la prossima stagione ancora al Genoa. “Io al Genoa sto benissimo e rimarrei volentieri. Devo tanto a questa società ed ai tifosi. Restare non sarebbe affatto un problema”.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA