Cagliari con i denti



LA SALVEZZA/PREVALE LA CARICA AGONISTICA DEI ROSSOBLÙ. UDINESE: 9 KO DI FILA

NONA SCONFITTA consecutiva per l’Udinese, nono gol di Pavoletti. Ma il giocatore partita è Ceppitelli: è il difensore centrale a regalare al Cagliari, a sette minuti dalla fine, il gol del 2-1. Una vittoria che vale per i rossoblù l’uscita dal tunnel delle tre sconfitte consecutive e praticamente mezza salvezza. Un successo in rimonta quello della squadra di Lopez. Il gol al 10' del primo tempo di Lasagna aveva gelato la Sardegna Arena e fatto vedere una B che diventava sempre più grande. Il Cagliari non si abbatte. Anzi la rete diventa paradossalmente quella scossa in più che manda via imbarazzi e paure di una partita psicologicamente molto diffi- cile. Un Cagliari diverso rispetto alle ultime uscite: merito soprattutto del ritorno di Cigarini, subito in palla per dettare quelle geometrie perdute da quasi due mesi, il periodo della sua assenza. Anche sotto, il Cagliari non perde mai la testa. Ed è proprio Cigarini a suggellare il gol dell’1-1 con una bella punizione finita sul palo. Sulla respinta del legno c’è pronto Pavoletti che, anche se la palla è a mezzo metro di altezza, usa il suo pezzo forte, la testa. E mette dentro. L’Udinese - Oddo aveva confermato in blocco la squadra sconfitta nel turno precedente - si convince che anche il pari va bene. Gioca, ma si limita a controllare. Ed è un pò quello che succede nella ripresa. Con il Cagliari che prova a organizzarsi, senza rischiare, per preparare l’assalto finale. I bianco-neri si rilassano perché non corrono pericoli. Quando comandano, non sono mai cattivi. E alla fine prevale la forza di chi è più disperato. Cossu, che nel frattempo è entrato al posto di Cigarini, trova sul corner la traiettoria giusta. Quella che fa fare a Ceppitelli un gol alla Manolas: pallone girato con una corsa sul primo palo per indirizzare la sfera sull’angolo più lontano. E l’Udinese sprofonda: in sette minuti più recupero la squadra ospite non fa nemmeno un tiro in porta. Oddo? Sempre in bilico. Il Cagliari si è avvicinato. E ora anche i bianconeri sono costretti a vedere i risultati di Crotone e Spal. E a soffrire forse sino alla fine.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA