Carlotta istigata al suicidio



MILANO. Non c'è nulla al momento che faccia pensare a un'ipotesi diversa da quella del suicidio, per la morte di Car- lotta Benusiglio. Le prime indagini in- torno al decesso della stilista di moda, che aveva 37 anni, condotte dalla Squa- dra mobile della questura di Milano e coordinate dai pm Antonio Cristillo e Alberto Nobili, non porterebbero verso altre strade.

In altri termini nulla lascerebbe inten- dere che la donna, ritrovata martedì mat- tina impiccata con una sciarpa a un albero di piazza Napoli a Milano, possa essere stata vittima della mano omicida di qualcun altro.

Il fascicolo d'indagine dei due inqui- renti, aperto verso ignoti, parla invece di "istigazione al suicidio", una strada che al momento nessuno può escludere e che sarebbe funzionale ai magistrati per poter condurre le indagini con maggiore ampiezza, in attesa di capire se le telecamere nella intorno alla piazza e i tabulati telefonici possano dare ulteriori informazioni.

L'autopsia sul corpo di Carlotta, con- dotta ieri, sembra collimare con le ipote- si investigative più accreditate. E' stato lo stesso sostituto procuratore Cristillo a riferire i primi risultati, escludendo che vi siano segni di violenza o ferite da col- luttazione sul corpo della donna.

Quel che emerge, al contrario, sarebbe la morte per "strangolamento da im- piccagione", anche se per avere un'analisi completa di quelle che sono state le ultime ore di vita della donna bisognerà attendere il referto degli esami tossicologico e genetico che sono stati dispo- sti dagli inquirenti.

Due analisi che aiuteranno a comprendere se la donna abbia assunto qual- che farmaco che le abbia causato o ac- celerato il decesso e, d'altro canto, se vi siano stati contatti sospetti con altre persone. L'ipotesi del suicidio non ha però convinto, com'è comprensibile in situazioni come queste, i famigliari di Carlotta, rimasti increduli verso un gesto per loro inspiegabile.

Lo ha detto più volte in queste ultime ore la sorella Giorgia, diventata celebre come testimonial contro la droga dopo essere passata per un trapianto di fegato che le ha salvato la vita da un'intossi- cazione da ecstasy.

Nel racconto della sorella, Carlotta sarebbe stata più volte vittima di gesti violenti del fidanzato, per cui era stata anche medicata in ospedale. La vittima lo aveva anche denunciato in un'occa- sione, ma senza mai tagliare definitivamente i ponti con lui, nonostante la con- trarietà della famiglia a proseguire quel rapporto.

L'uomo, che proprio il giorno prima del decesso avrebbe incontrato la ra- gazza, è stato già sentito come persona informata sui fatti.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA