Colletti bianchi sporchi



IMPRESE A RISCHIO CRIMINALITÀ, ALLARME DI CONFCOMMERCIO

ROMA. “La criminalità ha imparato a comportarsi come un camaleonte dentro la società. A volte assume forme quasi rispettabili. Ci si convince che gli uomini laureati e in giacca e cravatta non possono essere criminali”. Il presidente di Confcom- mercio Carlo Sangalli (nella foto) avverte dei rischi della criminalità dei “colletti bianchi” soprattutto “quella organizzata” contro la quale, dice bisogna “aiutare gli imprenditori, prima di tutto, a riconoscere i pericoli dell’illegalità”. Imprenditori che, se da un lato vedono aumentare il loro senso di sicurezza (61,3 punti nel 2017 a fronte di 60,6 punti nel 2016), dall’altro, quasi uno su 10 (il 9%), in numeri assoluti 1 milione 356 mila , ha ricevuto minacce e/o intimidazioni a scopo di estorsione.La criminalità nelle sue svariate forme, pesa sulle imprese per 29,1miliardi di costi, di cui 22,2 miliardi in perdita di fatturato. Non solo, mette a rischio 186 mila posti regolari. Dalla ricerca presentata ieri da Confcommercio emerge uno scenario dai colori contrastanti. Se da un lato migliora la percezione di sicurezza,dall’altro il dato sulle minacce e le estorsioni resta costante da qualche anno. Non solo, fra le vittime, il 28% è stato poi costretto a pagare. Costante resta pure la differenza fra Sud e Nord. Al Sud le vittime di estorsione sono al 17% al Nord la percentuale scende al 3%. In questo quadro spicca, da parte degli imprenditori, la consapevolezza che la sicurezza per le proprie aziende viene dallo Stato. Il 90%, infatti, non ha un’arma di difesa personale.Alla difesa privatistica gli imprenditori ritengono più efficaci:la certezza della pena(75%)eunamaggiore protezione da parte delle forze dell’ordine (58%). Tuttavia 4 imprenditori su 5 hanno adottato forme di protezione alla propria impresa. Il fenomeno è più accentuato tra i tabaccai, i benzinai e i settore dei trasporti. Le principali misure riguardano l’utilizzo di telecamere e impianti di allarme (53%), la stipula di assicurazione (40%), la vigilanza privata(27%).Quanto ai costi dell’illegalità, questi sono dovuti in particolare dall’abusivismo commerciale (8,4 miliardi), illegalità nella ristorazione (6,5 miliardi). La contraffazione pesa per 3,5 miliardi,il taccheggio 3,7 miliardi. La cyber criminalità vale1ml dei costi per assicurazioni, ferimenti e spese difensive 5,9 miliardi


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA