Contagi, mille casi in 24 ore

MA CON 27MILA TAMPONI IN MENO. 14 I MORTI. INTESA STATO-REGIONI SUI VACCINI


di Matteo Guidelli



ROMA. Con l’andamento della curva dei contagi da Coronavirus che continua lentamente a salire - nelle ultime 24 ore si sono registrati solo 1.008 nuovi casi, 450 meno di ieri ma con ben 27mila tamponi in meno - scoppia la polemica sul vaccino antinfluenzale che dovrebbe essere disponibile a partire dalle prossime settimane: Governo e Regioni hanno trovato l’accordo per rivedere le quote delle dosi da destinare alle farmacie vista la probabile concomitanza di circolazione del Covid-19 e dell’influenza, ma le associazioni che rappresentano i farmacisti attaccano: sono insufficienti, mancano un milione di dosi. L’intesa prevede che siano gli enti locali a garantire al sistema territoriale delle farmacie le dosi per consentire l’acquisto del vaccino da parte dei cittadini mentre il governo si è impegnato a trovare le dosi necessarie per coprire il fabbisogno delle Regioni per quanto riguarda le categorie fragili. Dunque per tutti gli anziani (over 65 e per quest’anno anche a partire dai sessantenni), le donne in gravidanza, gli addetti ai servizi essenziali, le persone appartenenti a categorie a rischio e quest’anno anche i bambini fra i 6 mesi e i 6 anni. “Ogni anno - dice il presidente della Conferenza Stefano Bonaccini - 800 mila cittadini che non rientrano fra le categorie per le quali la vaccinazione è raccomandata, si rivolgono al farmacista per acquistare il vaccino. Poiché la raccomandazione quest’anno è stata estesa a categorie d’età non incluse in precedenza, le Regioni hanno provveduto e stanno provvedendo ad un’acquisizione più ampia di vaccini. Per questo occorre ora un intervento redistributivo delle Regioni per renderne disponibile una percentuale minima, l’1,5 per cento, (eventualmente incrementabile dalle singole Regioni) nelle farmacie”. Numeri definiti “insufficienti” da Feder- farma, Fofi e Assofarm. “La decisione di destinare alla distribuzione in farmacia solo l’1,5% dei vaccini antinfluenzali acquisiti dalle Regioni non garantisce una risposta adeguata ai bisogni della popolazione attiva. Solo 250mila dosi sono insufficienti a fronte di un fabbisogno stimato tra 1,2 e 1,5 milioni” dicono le Federazioni dei farmacisti mettendo le mani avanti: “decliniamo qualsiasi responsabilità per eventuali difficoltà che potrebbero avere i cittadini nel rifornirsi dei vaccini”. Associazioni e ministero della Salute si vedranno oggi ed è quella l’occasione, auspicano i farmacisti, “per trovare soluzioni e rimodulare la quota minima per avvicinarsi al fabbisogno reale che, lo dice lo stesso ministero, si aggira tra il 3 e il 10% delle dosi acquisite dalle Regioni”. Intanto il bollettino quotidiano del ministero della Salute conferma l’andamento in crescita delle ultime settimane con il virus che continua a diffondersi. Il rapporto tra contagiati e tamponi effettuati (domenica solo 45.309 contro i 72.143 di sabato) è salito al 2,2% mentre quattro giorni fa era all’1,6%. E continuano a salire il numero degli attualmente positivi (sono 39.187, 678 in più rispetto a domenica), dei ricoverati in ospedale (80 più di sabato per un totale di 2.122) e dei pazienti in terapia intensiva (197, dieci più di domenica). Di nuovo in crescita anche l’incremento delle vittime: 14 nelle ultime 24 ore, il doppio di domenica, dopo quasi una settimana sotto le due cifre. Dati che trovano conferma nei nuovi focolai.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA