Continua la rivolta anti-Donald


ELEZIONI/OLTRE 200 ARRESTI. DE BLASIO AVVERTE: “NON DAREMO I DATI DEI CLANDESTINI”


WASHINGTON. Non si fermano le proteste contro Donald Trump presidente. L'America, da New York a Los Angeles, ha vissuto un'altra notte di marce e siti in sotto lo slogan 'Not my president'. Iniziative in gran parte pacifiche, ma non ovunque, come testimoniano gli oltre 200 arresti della polizia e le immagini da guerriglia urbana a Portland, Oregon. Non è ancora guerra civile ma restano i timori di un'escalation della tensione, di un'ondata di violenza, alimentata anche da segnali che arrivano dal fronte opposto: dalla 'parata della vittoria' annunciata dal Ku Klux Klan per il prossimo 3 dicembre in North Carolina al moltiplicarsi di minacce a sfondo razzista, religioso o sessuale nelle scuole, nelle università, su internet e in alcuni luoghi pubblici, con inni al 'potere bianco', cori per 'costruire il muro', svastiche associate a Trump. Uno scenario conflittuale dove si inseriscono anche figure istituzionali, come il sindaco di New York Bill de Blasio, che ha promesso di resistere ai piani più controversi di Trump sull'immigrazione se il presi- dente eletto deciderà di metterli in pratica. Il primo cittadino ha già detto che farà di tutto per non aprire al tycoon il database di New York con le identità di oltre 850mila immigrati illegali che vivono in città, la stessa del magnate. Che la situazione possa diventare esplosiva sembra averlo capito anche Trump, che ha rilanciato via twitter il suo auspicio di unità dopo aver attaccato i manifestanti come "contestatori di professione, incitati dai media". "Amo il fatto che i piccoli gruppi di manifestanti la scorsa notte abbiano mostrato passione per il nostro grande Paese. Ci uniremo tutti e ne saremo orgogliosi", ha corretto il tiro. Anche Barack Obama ha ripetuto il suo appello all'unità, nel suo intervento in commemorazione dei reduci militari, ad Arlington: "L'istinto americano è quello di trovare la forza nel nostro credo comune, forgiare l'unità dalla nostra grande diversità, mantenere quella forza e unità anche quando è difficile". Come in questo momento. Ma per ora prevalgono la rabbia, la frustrazione, l'incapacità di metabolizzare una sconfitta co- cente, il timore di una totale inversione di rotta dopo l'inclusiva era Obama. Le proteste sono degenerate a Portland, dove migliaia di persone hanno marciato cantando "rifiutiamo il presidente eletto", mentre alcuni accendevano petardi, appiccavano piccoli roghi, usavano pietre e mazze da baseball per rompere vetrine e auto parcheggiate. La polizia è stata costretta ad intervenire con manganelli, proiettili di plastica e spray urticanti per disperdere la folla, arrestando in totale una trentina di manifestanti. Gli organizzatori del corteo hanno condannato i vandalismi, a loro avviso opera di frange estremiste che le forze dell'ordine hanno identificato con gruppi anarchici, e si sono impegnati a ripulire le strade, nonché a raccogliere fondi per ripagare i danni. A Los Angeles le proteste sono state prevalentemente pacifiche ma 185 persone sono state arrestate per blocchi stradali. Un agente è rimasto ferito in modo non grave. Anche a Denver gli attivisti hanno puntato sul blocco del traffico, lungo la interstate 25 e l'autostrada da Minneapolis e Los Angeles, ma non ci sono stati fermi. A Oakland invece un gruppetto si è confrontato con la polizia, che ha arre- stato 11 persone. Senza problemi i cortei a San Francisco, dove sono spuntate anche bandiere arcobaleno e messicane, a Filadelfia e Baltimora. A Chicago e New York la protesta si è concentrata davanti alle Trump Tower, con slogan e cartelli anti tycoon. "Trump non sarà il mio presidente", hanno gridato i protagonisti dell'omonimo movimento nato su Facebook nella notte di martedì e che ha riunito in 25 città giovani, universitari, docenti, sostenitori democratici, simpatizzanti di Hillary Clinton. Sui social il movimento ha convocato una grande protesta di fronte al Campidoglio, a Washington, il giorno dell'investitura di Trump, il prossimo 20 gennaio. "Unitevi a noi il giorno dell'investitura per far sentire la vostra voce. Ci rifiutiamo di riconoscere Trump come presidente degli Stati Uniti e ci rifiutiamo di prendere ordini da un governo che mette gli intolleranti al potere", si legge su Facebook. La protesta promette di proseguire.


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA