Coronavirus, un anno di pandemia - LO SPECIALE

Con la positività al virus del paziente 1 di Codogno e con i 55 italiani rientrati da Wuhan, una città della Cina che allora sembrava lontana. E con la coppia di turisti cinesi ricoverati a Roma



Cominciò così un anno fa. All'inizio la Cina sembrava lontana migliaia di chilometri e Wuhan era sconosciuta ai più.Poi scoprimmo che il virus era ormai dentro casa nostra.

C'era una volta il paziente 1... Ecco il testo di una notizia pubblicata un anno fa

"Un 38enne ricoverato all'ospedale di Codogno, nel milanese, è risultato positivo al test del Coronavirus. "Sono in corso le controanalisi a cura dell'Istituto Superiore di Sanità", ha detto l'assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera aggiungendo che l'italiano "è ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Codogno i cui accessi al Pronto Soccorso e le cui attività programmate, a livello cautelativo, sono attualmente interrotti". L'uomo si è presentato giovedì al pronto soccorso dell'ospedale di Codogno, nel Lodigiano. Al momento le autorità sanitarie stanno ricostruendo i suoi spostamenti. "Le persone che sono state a contatto con il paziente - ha aggiunto l'assessore - sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie". Una conferenza stampa è prevista per la mattina di venerdì 21 febbraio, ad un orario che sarà comunicato in seguito. Intanto, per i 55 italiani rientrati a Roma da Wuhan lo scorso 3 febbraio è finita la quarantena alla Cecchignola, all'interno della città militare nella Capitale. Diciotto giorni sempre con guanti e mascherine. Isolati dal mondo, come in una bolla. Sotto osservazione, ma anche protetti. E con momenti di ottimismo alternati ad altri di forte preoccupazione, isolati nelle proprie stanze per la paura che il Coronavirus si 'aggirasse' tra di loro. Giovani e famiglie sono usciti con i volti sorridenti, alcuni commossi, portando con sé zaini e trolley. L'ultimo giorno da 'reclusi', in quella struttura le cui aree comuni erano diventate sempre più deserte, è stato vissuto dai 55 come un ultimo giorno di scuola. I ministri della Difesa e della Salute, Guerini e Speranza - in visita al centro militare - li hanno abbracciati calorosamente. E dopo una sorta di foto ricordo è scattato un applauso liberatorio per tutti.

LA STORIA DELLA DOTTORESSA CHE PER PRIMA VISITO' IL PAZIENTE 1: 'Il gioco di squadra ci salvò' Laura Ricevuti, avevo anch'io il terrore di finire intubata di Francesca Brunati Da quando, la mattina del 20 febbraio dell'anno scorso, si è ritrovata in reparto quell'uomo che qualche ora dopo sarebbe diventato Paziente 1, cioè il primo caso di Coronavirus accertato in Italia, ha capito che "non si può avere sempre la situazione sotto controllo. Io che sono metodica e ho sempre programmato tutto, ho capito che nella vita le cose possono cambiare da un momento all'altro, tutto può essere stravolto e che quindi non bisogna lasciarsi sopraffare ma reagire. E poi che il gioco di squadra paga sempre". Ha insegnato anche questo a Laura Ricevuti, medico dell'ospedale di Codogno, in servizio quel giorno di un anno fa quando è stato scoperto ufficialmente che da Wuhan era arrivata quella strana polmonite di cui poco si sapeva. La dottoressa, 45 anni tra qualche settimana, è stata, assieme alla collega rianimatrice Annalisa Malara, la prima a seguire Mattia Maestri inizialmente ricoverato nel reparto di medicina dove lei era di turno. Di quei momenti ricorda "la grande preoccupazione per questo paziente giovane, sportivo che peggiorava rapidamente. Prima che venisse intubato gli avevo somministrato ossigeno ad alto flusso e poi l'ho inviato a fare la Tac". Da lì la storia è nota: la moglie che racconta quel che lui aveva omesso di dire, e cioè di una tavolata con amici e colleghi tra cui uno rientrato dalla Cina (poi risultato negato al Covid), e l'intuizione delle due dottoresse, complici anche gli esami di laboratorio, di forzare i protocolli e infine il tampone dall'esito infausto. "Da un lato non ci credevo perché, come molti, pensavo che la Cina era lontana e quindi che difficilmente il virus ci avrebbe colpito, dall'altro è cominciata a crescere la preoccupazione. Ho avuto paura anche per me stessa, in quanto quella mattina visitavo solo con mascherina e guanti". Solo dopo aver disposto il primo tampone, quello di Mattia Maestri, in quel piccolo ospedale della Bassa Lodigiana sono scattate le misure di sicurezza e sono stati distribuiti i dispositivi di protezione. "In quegli attimi pensavo a me e alla mia famiglia, al pericolo per i malati ricoverati e per i loro parenti e al personale spaventato quanto me". In molti si sono presto ammalati "e anch'io sono uscita dai giochi subito. Avevo la febbre. Prima sono stata da sola e 'disperata' nell'appartamento che ho preso in affitto a Codogno, poi sono stata ricoverata in isolamento nel reparto di malattie infettive del San Matteo di Pavia, la mia città." Laura Ricevuti non nega "la paura, anzi il terrore di finire intubata in rianimazione o di poter contagiare i suoi famigliari. L'ho presa davvero male". Riguardando indietro, ritiene "di aver fatto tutto il possibile per quel paziente. Ho seguito il percorso giusto e in tempi rapidi - dice - e ritengo che sia stato fatto un perfetto lavoro di équipe. Insomma la catena ha funzionato!" Però, e parla "con il senno di poi", avrebbe potuto essere "un po' meno disperata e stressata e più positiva. Ma questa - ammette - è una malattia anche alienate, disumanizzante". Qualsiasi contatto fisico è vietato. "Mi mancano gli abbracci: essere abbracciata e abbracciare. E poi al mio cagnolino baci e abbracci sempre, mentre a mia mamma nulla".


AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro