Da robotica a neuroscienze, l’Ue premia la ricerca italiana



Finanziati con 250 milioni di euro 27 progetti europei, 5 sono Made in Italy

ROMA. Dalla mano robotica controllata da un'interfaccia con i circuiti nervosi del cervello umano al Corano nella storia culturale europea, fino agli esperimenti di fisica del plasma e le crisi politiche in Europa dopo il 2008. Sono questi i cinque progetti italiani che, insieme con altri ventidue progetti europei, si sono aggiudicati i fondi del Consiglio Europeo per la Ricerca (Erc). Il finanziamento complessivo è stato di 250 milioni di euro e si stima che i fondi consentiranno di creare 700 nuovi posti di lavoro. "Questa è la quintessenza del concetto alla base dell'Europa: ottenere un risultato finale più grande e più importante della somma delle singole parti", commenta Carlos Moedas, commissario eu- ropeo per la Ricerca, la scienza e l'innovazione. "Lo scopo di questo finanziamento - rileva Moedas - è raggruppare insieme i migliori talenti nell'ambito della scienza e tirare fuori da loro il meglio". Si tratta di progetti multidisciplinari che spaziano da nuove cure per l'osteoporosi ai circuiti nervosi alla base dei processi biologici e dei comportamenti sociali, che uniranno i migliori ricercatori di diversi ambiti per esplorare i confini della conoscenza, mettendo insieme le competenze di ognuno. I ventisette progetti che si sono aggiudicati i finanziamenti sono stati selezionati tra 295 proposte iniziali e coinvolgono complessivamente ottantotto ricercatori di sessantatre università e centri di ricer- ca di diciassette Paesi. Germania, Regno Unito e Francia si sono aggiudicati il maggior numero di progetti. Anche considerando i singoli ricercatori, i più premiati sono i tedeschi (19), seguiti dai francesi (12) e, a pari merito, britannici e svizzeri (con 9 progetti ciascuno). I cinque progetti italiani premiati sono guidati da Antonio Bicchi, esperto di robotica per la riabilitazione dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit); l'esperto in neuroscienze e neuroimaging Gian Luca Romani dell'Università Gabriele D'Annunzio di Chieti-Pescara; Roberto Tottoli dell'Università di Napoli l'Orientale; l'esperto di Chimica industriale Gabriele Centi dell'Università di Messina e Maurizio Ferrera dell'Università di Milano, che conduce il suo progetto nel campo delle Scienze politiche con Hanspeter Kriesi dell'Istituto universitario europeo situato in Toscana.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA