“Dialogo, unica strada”



LIBIA/VISITA A SORPRESA DEL MINISTRO ALFANO PER RIBADIRE LA LINEA DI ROMA

TRIPOLI (Libia). L’Italia sostiene con forza il dialogo e il processo di riconciliazione in Libia ed è pronta a riattivare il partenariato strategico tra i due Paesi siglato nel Trattato di Amicizia del 2008. Il ministro degli Esteri Angelino Alfa- no è volato a sorpresa a Tripoli per ribadire la linea di Roma, pochi giorni dopo l’incontro tra il premier Fayez Al Sarraj e Khalifa Haftar ad Abu Dhabi, e quello di qualche settimana fa a Roma tra i rappresentanti di Tripoli e Tobruk. Il dialogo e la riconciliazione sono “l’unica strada possibile per la stabilizzazione e il consolidamento istituzionale del Paese. Avanti con accordo infralibico. Solo i libici possono pacificare la Libia. Noi siamo pronti a sostenerli”, ha detto Alfano al premier Sarraj. Il ministro degli Esteri ha poi avuto incontri con il vice premier Ahmed Maitig e il presidente dell’Alto Consiglio di Stato, Abdulrahman Al-Swehli.“Presto in Sicilia un incontro su cooperazione economica, infrastrutturale e energetica. Per un nuovo impulso nelle relazioni tra i due Paesi”, ha annunciato il titolare della Far- nesina. Roma, tra l’altro, è pronta a “riattivare il partenariato strategico sulla base del Trattato di Amicizia del 2008”, ha sottolineato il ministro dopo l’incontro con il collega libico Mohammed Taher Siyala. “Italia e Libia sono legate da una profonda e storica amicizia. Le nostre relazioni devono restare speciali”, ha aggiunto. Gli occhi sono ora tutti puntati sull’intesa sottoscritta da Sarraj e Haftar che, secondo le anticipazioni, prevede la formazione di un nuovo “consiglio di presidenza” formato “dal presidente del parlamento” di Tobruk, Aghila Saleh, da quello “del governo di intesa nazionale” (ora Sarraj) “e dal comandante dell’esercito”, attualmente Haftar. In ballo anche elezioni parlamentari e presidenziali, previste “al massimo entro il marzo del 2018”. Sul fronte dell’emergenza umanitaria, l’Agenzia Onu per i Rifugiati (Unhcr) ha accolto con grande soddisfazione la decisione italiana di contribuire alle attività di assistenza in Libia con 10 milioni di euro. “Il governo italiano - si legge in una nota dell’organizzazione - conferma dunque il grande impegno nei confronti dei rifugiati, consolidando e accrescendo il suo contributo all’Unhcr”


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA