• Redazione

Dietrofront di Martello, Lampedusa funziona



CRISI MIGRANTI/IL SINDACO SI RIMANGIA TUTTO IN 24 ORE

PALERMO. Chiudere l'hotspot, anzi no. In ventiquattr'ore svanisce, con tanto di ringraziamenti alle forze dell'ordine, il "caso" Lampedusa. Sabato Totò Martello - neo sindaco dell'isola, ma politico di lungo corso e già a capo dell'amministrazione dal '93 al 2002 - ha fatto sentire la sua voce chiedendo al ministero dell'Interno di chiudere il centro per immigrati di contrada Imbriacola e mettere fine alle incursioni di 180 tunisini, sulla carta ospiti della struttura ma in verità - ha spiegato il sindaco - in giro per strade e bar di Lampedusa, a molestare donne, a rubacchiare nei negozi e a usare i marciapiedi come bagni all'aperto. Una situazione fuori controllo, a detta del primo cittadino, ma rientrata nel giro di poche ore: "Dopo il clamore mediatico determinato dalle mie dichiarazioni, la situazione a Lampedusa è tornata alla normalità - ha spiegato Martello ieri -: sono aumentati i controlli sui migranti e il centro di accoglienza ha ripreso le sue funzioni. Purtroppo a volte nel nostro Paese è necessario 'alzare la voce' per ottenere il rispetto dei diritti e delle regole". Regole che aveva invocato ancora ieri in una lettera aperta, rilanciando dopo il fosco quadro dipinto sabato: "Sapevo che pronunciando queste parole avrei creato un 'caso', che mi sarei attirato critiche e apprezzamenti, sguardi d'indignazione e messaggi di incoraggiamento", ultimo in ordine di tempo il sostegno del senatore di FI Maurizio Gasparri. "Ma era l'unico modo - ha osservato il sessantenne Martello, con un passato nel La giustificazione: “Alcune volte bisogna alzare la voce per ottenere il rispetto dei diritti e delle regole”. Arrivano a Messina altri 135 migranti Pci - per accendere i riflettori su quello che da alcune settimane sta avvenendo nell'isola", ritenuta luogo d'accoglienza tanto che molte personalità ne hanno caldeggiato la candidatura a Nobel per la pace. Nel primo pomeriggio di ieri Lampedusa - nelle parole del suo sindaco - sembra tutta un'altra isola rispetto a quella sorta di terra di nessuno dipinta il giorno prima da Martello, che in una nota ringrazia "le forze dell'ordine e le istituzioni per il loro impegno che, ne sono certo, d'ora in avanti resterà costante". Poi afferma che non intende alimentare altre polemiche, "né commentare prese di posizione da parte di chi cerca solo di ritagliarsi piccoli spazi di visibilità: il mio unico interesse è il bene di Lampedusa e dei lampedusani. I veleni e gli insulti non mi intimidiscono e non mi fanno paura", ed è difficile non leggere nelle sue parole una risposta all'ex sindaca di Lampedusa, Giusi Nicolini, che sabato aveva accusato Martello di "fare terrorismo. Basterebbe controllare il numero delle denunce presentate ai carabinieri: a me risulta solo un furto da un negozio di frutta e verdura, inoltre l'isola è piena di turisti". Il fruttivendolo di cui parla Nicolini, raccontano nell'isola, non ama che i clienti - specie gli squattrinati che arrivano per mare con addosso solo i vestiti - tocchino i prodotti esposti, e qualche giorno fa due ragazzini egiziani sarebbero stati allontanati bruscamente solo per aver messo gli occhi su una cesta di olive da tavola. Intanto, anche ieri si è registrato uno sbarco di 135 migranti, giunti a Messina su una nave della Marina militare, dopo i 1.200 soccorsi tra giovedì e venerdì. Secondo i dati del Viminale, nei primi 15 giorni di settembre sono arrivati 1.414 migranti, ai quali vanno aggiunti i 135 di ieri; il datomensile più basso del 2017, che ha avuto il suo picco a giugno con 23.526 arrivi.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA