• Redazione

Dybala e Icardi rischiano



ARGENTINA/Sampaoli sembra sempre più intenzionato a non portarli ai Mondiali

MANCHESTER. La porta per i Mondiali di Russia 2018 sembra quasi chiusa per Paulo Dybala e Mauro Icardi. Lo fa capire il ct Jorge Sampaoli che nella conferenza stampa della vigilia dell’amichevole tra Argentina e Italia di oggi a Manchester spiega i motivi della mancata convocazione dell’attaccante della Juventus e di quello dell’Inter. Sampaoli è chiaro. Dalle sue parole si evince che difficilmente Dybala e Icardi faranno parte della lista dei 23 che vestiranno la maglia dell’Albiceleste a Russia 2018. “Quando ho preso la guida dell’Argentina, Icardi era il prescelto - spiega Sampaoli - ma con il passare del tempo e le partite abbiamo capito che c’era molta differenza tra le prestazioni con l’Inter e quelle con la nazionale. Il tempo per adattarsi è poco Non escludo Mauro a priori ma sulla nostra scelta peserà anche come i giocatori si relazionano con i compagni’’. Più o meno lo stesso discorso fatto per l’attaccante della Juventus Paulo Dybala. ‘’Pensavamo che Dybala fosse un giocatore top - sottolinea il commissario tecnico dell’Argentina - Poi o noi non lo abbiamo saputo valorizzare al meglio o lui non si è saputo adattare alla nostra idea di calcio. L’ho convocato sempre, tranne in questo giro, vedremo se c’è qualcuno che dimostrerà di essere migliore di lui”. Mentre ha parole di elogio per Gonzalo Higuain, definito ‘’uno dei migliori giocatori del mondo. Se dimostrerà in partita quanto fatto vedere in allenamento - le parole di Sampaoli - credo che la potenza offensiva della nostra Nazionale sia immensa”. Il ct della Seleccion non si nasconde: ‘’Siamo una delle candidate alla vittoria del Mondiale. Anche perché Messi gioca con noi - sottolinea - è in un gran momento di forma e maturità. il rispetto che c’è per la nostra nazionale è molto grande’’. Sampaoli non nasconde le ambizioni della sua Argentina che ha e avrà in Leo Messi il suo trascinatore: ‘’Leo è in un momento di grande maturità e responsabilità - dice il ct - è un giocatore che dà forza a tutti i suoi compagni di squadra. Se sta bene, la squadra sarà più sua che mia. Messi in questa fase di maturità e di grandezza, ci sta aiutando molto’’, sottolineando poi di aver bisogno ‘’di giocatori competitivi che mi permettano varie soluzioni di gioco. Molti di loro sanno che in queste amichevoli si giocano la possibilità di far parte della lista finale dei 23 che andranno in Russia’’.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA