F1/La Fia respinge il ricorso Ferrari



LE CASTELLET. Un venerdì di libere a Le Castellet per la Ferrari tra la pista e la speranza di riprendersi la vittoria di Sebastian Vettel in Canada. Una speranza alla fine caduta nel vuoto per la Rossa che ha visto respinto il ricorso contro la penalità di 5'' nel Gp di Montreal che ha consegnato l'ennesimo successo alla Mercedes di Lewis Hamilton.


I commissari della Fia non hanno infatti ritenuto abbastanza rilevanti e significative le nuove prove raccolte dalla scuderia di Maranello riguardo al taglio della chicane di Vettel e al suo rientro in pista mentre sopraggiungeva la vettura del rivale inglese e campione del mondo.


I Commissari - si legge nel comunicato della Fia - hanno ricevuto dalla Ferrari la richiesta di revisione, per mezzo dell'articolo 14 del Codice Sportivo Internazionale della Fia, della decisione presa dagli steward nel corso del Gran Premio del Canada 2019. I commissari hanno convocato il team e dato loro udienza alle 14:15 di ieri. Hanno ascoltato il rappresentante del team Laurent Mekies, che ha mostrato una presentazione agli steward.


Avendo esaminato le prove presentate dalla squadra, i commissari hanno deciso che "non ci sono significativi e rilevanti ele- menti non disponibili al momento del- la decisione". Per le seguenti ragioni: secondo l'art.14 del Codice Sportivo Internazionale della FIA e l'art.2.2 del regolamento sportivo della F1, questi elementi dovevano essere considerati nuovi e non a disposizione della Scu- deria Ferrari prima del termine dell'evento.


Il distacco in classifica tra la Mercedes, Hamilton e tutti gli altri resta quindi lo stesso e a quanto visto ieri sul circuito francese anche il gap in pista sembra inalterato. Le Stelle d'Argento hanno infatti dominato le prime e le seconde libere. Al mattino il miglior tempo è stato registrato da Hamilton, mentre nel pomeriggio Valtteri Bottas si è tolto la soddisfazione di finire da- vanti al compagno di scuderia.

Nella seconda sessione Hamilton, oltre a dover accontentarsi del secondo tempo, ha avuto una piccola disattenzione durante la seconda sessione, quando ha perso la sua W10 in curva 3- 4, rovinando le gomme e rientrando in pista davanti a Max Verstappen, leggermente ostacolato. Episodio che potrebbe essere analizzato dai commissari.


Per la Ferrari la seconda sessione ha confermato a grandi linee i valori della prima, con le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel in terza e quarta posizione. Le due SF90 hanno per- corso in totale 63 passaggi, 31 con il pilota monegasco e 32 con il tedesco. Leclerc ha ottenuto come miglior tempo 1'31"586, mentre Sebastian ha fer- mato i cronometri a 1'31"665. L'inglese delle Frecce d'Argento ha segnato il tempo con gomma dura, e su un asfalto che si sta rivelando abbastanza abrasivo, questo potrebbe essere un fattore in vista della gara.

Dando uno sguardo al campionato del mondo di tutti gli altri Lando Norris è stato sorprendente con la sua McLaren. Sesto miglior tempo per Max Verstappen con la Red Bull seguito da Carlos Sainz con l'altra McLaren e Pierre Gasly con la seconda Red Bull. Undicesimo il pilota italiano della Alfa Romeo Racing Antonio Giovinazzi, dietro al compagno ed ex Ferrarista Kimi Raikkonen.

Continua anche in Francia il disastroso momento delle Williams con George Russell penultimo e Robert Kubica ancora una volta fanalino di coda

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA