Fca da record e il taglio delle tasse “vale” 1mld



NEW YORK. Un mercato dell'auto vitale grazie alla solida crescita globale, l'azzeramento del debito nel 2018, le attese per una grande alleanza industriale, il taglio delle tasse negli Usa che vale, parole dell'amministratore delegato Sergio Marchionne, un miliardo di utili in più. Mentre il mercato si interroga sui motivi dello spumeggiante rally di Fca in Borsa, gli investitori continuano a dare la caccia al titolo, che anche oggi chiude in testa a Piazza Affari: +6,35% a 17,92 euro, nuovo massimo storico, dopo il +8,6% di ieri e un 2017 da incorniciare. Una spinta è arrivata da un report di Jp Morgan che vede rosa per tutto il comparto e che ha alimentato gli acquisti sui titoli sia dei grandi costruttori (+2,4% l'indice Dj Stoxx), che su quelli della componentistica, come Pirelli (+2,45%) e Brembo (+2,57%). Ma Fca è solo la stella di più sfolgorante di un firmamento borsistico che continua a splendere in questo inizio d'anno, animato dalla ripresa globale, in particolare americana e dalle aspettative per il taglio delle tasse Usa. Tokyo ha ritoccato i massimi da 26 anni e New York i record storici dei suoi tre indici (Nasdaq, S&P e DJ) mentre l'economia a stelle e stri- sce ha creato altri 148 mila posti di lavoro a dicembre e il tasso di disoccupazione si è mantenuto al minimo storico del 4,1%. Gli effetti di questo clima di euforia, sono stati cavalcati anche dalle Borse europee, con Milano salita di un altro 1,11%. "Ci aspettiamo che il 2018 sia un anno di 'toro' per il mercato dell'auto supportato da una solida crescita globale dei volumi e da prezzi relativa- mente stabili", scrive Jp Morgan nel report con cui ha alzato a 21 euro il target price di Fca e promosso il titolo a 'overweight'. Inoltre "in assenza di grandi notizie negative sulla vicenda del diesel Volkswagen, e sulla scorta di una cauta transizione verso i veicoli elettrici e a guida autonomia, riteniamo che l'atteggiamento degli investitori tornerà rialzista sul settore", che beneficerà anche della riforma fiscale di Trump. Ma le cose per Fca non vanno bene solo Oltreoceano. "La produzione di Fca Italia nel 2017 è aumentata nel settore auto del 4,2%, e le ore di cassa integrazione sono scese a 5,8 milioni dai 32 milioni del 2013. Inoltre le produzioni di alta gamma sono ora il 64% del totale contro il 20% del 2012, con un capovolgimento ha prodotto redditività e aperto ai mercati di Usa e Cina", ha affermato il segretario nazionale della Fim-Cisl Ferdinando Uliano. "Il 2017 ha dato al gruppo Fca buoni risultati di produttività e redditività, si può dire che in Italia si è ripreso un settore che rischiava di sparire. Ora però serve che l'azienda dia seguito agli investimenti che aveva annunciato e che ha poi fatto slittare" ha detto Iuliano chiedendo di puntare "alla piena occupazione", obiettivo che "pur essendo vicino, non verrà raggiunto" nel 2018 a causa del mancato completamento degli investi- menti per i nuovi modelli. Così la Fim chiede che quelli su Pomigliano d'Arco e Mirafiori, "le due realtà con una situazione più cri- tica in termini di esaurimento ammortizzatori sociali", vengano implementati "prima della presentazione del piano" 2018-2022, attesa a maggio.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA