“Fila colpa di un negro...”



CAGLIARI/EPISODIO RAZZISTA IN AMBULATORIO. TROPPA ATTESA, PAZIENTE SBOTTA IN SALA

CAGLIARI. Nell'ambulatorio l'attesa snerva, si sa. Tanto più che questa volta in sala i pazienti hanno a che fare con patologie importanti e delicate che mettono a dura prova il fisico e lo spirito. Ma in quell'ambiente protetto, dove all'ingresso il termine "cure palliative" offre poco sostegno morale a chi varca la porta, l'intolleranza è rimasta sempre fuori. Sino a qualche giorno fa, quando quattro accompagnatori di alcuni pazienti si sono lamentati con le infermiere per quell'attesa prolungata. E hanno sbottato: "è colpa di un negro". Il fatto è avvenuto nell'ambulatorio di oncologia dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari. La dottoressa Maria Cristina Deidda, che ha denunciato tutto su Facebook - dove ora il post non è più visibile - si era allontanata per una consulenza specialistica "ad un paziente di origine senegalese". A quel punto qualcuno si è spazientito e si è lasciato scappare il commento dal sapore razzista. Un episodio che la donna medico non ha voluto far passare sotto silenzio. "Dopotutto - spiega - io e le mie infermiere abbiamo fatto, molti anni addietro, il giuramento di assistere chiunque ne avesse bisogno, senza discriminante di razza, sesso, religione, ideologia politica ecc". Così ha chiesto "scusa, a nome dei concittadini sconosciuti ma intolleranti nei riguardi del paziente" e ha ammesso di "vergognarsi profondamente", denunciando pubblicamente quanto accaduto, così come gli avevano riferito le infermiere che, racconta, "con fermezza e gentilezza" hanno bloccato ogni discus- sione e altre lamentele spiegando semplicemente il perché di quell'attesa: una visita programmata. Nient'altro.

Tuttavia, la dottoressa Deidda ha voluto esprimere pubblicamente quello che sentiva dentro: "non possiamo stare zitti e io non voglio fare l'ignava - dice spiegando le motivazioni di quel post - Credo che ognuno di noi possa educare gli altri con l'esempio, senza esprimere giudizi sul pensiero altrui". Anche perché lo sfogo "non voleva avere alcun riferimento ideologico e politico - chiarisce - Perché al posto del paziente senegalese poteva esserci, come capita, un altro che ha bisogno di una visita più lunga o maggiori attenzioni. E nessuno è tenuto a sindacare in un luogo di assistenza. Mi ha fatto male". Il suo gesto non è passato inosservato e il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, ha annunciato una grande campagna per "mettere al bando il razzismo e l'intolleranza dal nostro servizio sanitario nazionale", coinvolgendo anche gli altri professionisti sanitari e le associazioni dei cittadini.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA