• Redazione

Firma Mes all’inizio 2020

UE/LA TEMPISTICA DARÀ MODO AI PAESI DI AFFRONTARE LE LORO DISCUSSIONI



di Chiara de Felice

BRUXELLES. Mentre in Italia resta ancora infuocata la polemica politica sulla riforma del fondo salva-Stati Mes, in Europa i ministri dell’Economia si siedono attorno a un tavolo per definire tempi e modi della firma del nuovo Trattato che ormai tutti aspettano da mesi. Il presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno esclude la riapertura di una discussione sui contenuti, e annuncia che la firma avverrà nei primi mesi del 2020 e non nel summit di dicembre, tempistica che darà modo anche ai Paesi di affrontare le loro discussioni parlamentari. Non è detto che all’Italia basti. “C’è una logica di pacchetto, rimaniamo vincolati a questa prospettiva”, fa sapere il premier Giuseppe Conte da Londra, rassicurando ancora una volta che difenderà gli interessi dell’Italia e di non vedere rischi. Ma Matteo Salvini non arretra: “Da Bruxelles continuano a dire pacchetto chiuso. E Conte dice invece che è aperto. Non mi stupirebbe l’ennesima bugia, bisogna fermare la firma contro qualco- sa che è contro l’interesse nazionale”. Il presidente Centeno, entrando all’Eurogruppo, rende esplicita la posizione comune: “Non vediamo ragione per cambiare il testo” del Mes. Allo stesso tempo, però, intende andare incontro alle necessità di quei Paesi che hanno bisogno di un ulteriore passaggio in Parlamento: “Il dibattito è in corso, oggi faremo un altro passo importante e poi aggiusteremo le necessità di dibattito che sono presenti” nei nostri Paesi, ha aggiunto, annunciando che la firma del nuovo Trattato avverrà “ad inizio del prossimo anno”. Non è da considerare un rinvio, spiega. In realtà i tempi si allungherebbero comunque perché, anche con un accordo finale nel summit del 12-13 dicembre, la traduzione del testo nelle diverse lingue richiederebbe un paio di mesi. Tempo utile anche per chiarire gli ultimi dettagli tecnici, non solo i dubbi del Parlamento italiano. Per il ministro francese Bruno Le Maire, la firma va fatta il prima possibile, su un accordo che peraltro era già chiuso dopo parecchi mesi di negoziato. Per il commissario agli affari economici Paolo Gentiloni, al suo primo Eurogruppo, il Mes non va ritardato. “E’ questo il momento giusto per fare passi avanti” sia sul fondo che sull’Unione bancaria, perché “abbiamo lasciato alle spalle il momento di crisi più difficile e non siamo certi di come si svilupperà la situazione economica nei prossimi anni”. E rassicura gli italiani sulla riforma che “non danneggia né l’Italia né nessuno”. Gentiloni mette però in guardia sul terzo e ultimo pilastro dell’Unione bancaria, lo schema di assicurazione dei depositi: “Mi auguro che l’avvio della discussione sui depositi bancari (Edis, ndr) sia fatto col piede giusto”. Al momento, infatti, sul tavolo c’è acora la proposta tedesca che comprende una diversa valutazione del rischio dei titoli di Stato detenuti dalle banche. Ache il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco rassicura sulla riforma del Mes, perché introduce modifiche “di portata complessivamente limitata”. La ri- forma, insiste, non prevede né annuncia un meccanismo di ristrutturazione dei debiti sovrani. “Come nel Trattato già in vigore, non c’è scambio tra assistenza finanziaria e ristrutturazione del debito. Anche la verifica della sostenibilità del debito prima della concessione degli aiuti è già prevista dal Trattato vigente. È una clausola a tutela delle risorse dell’ESM, di cui l’Italia è il terzo principale finanziatore”. Inoltre “viene confermata l’esclusione di qualsiasi automatismo nelle decisioni circa la sostenibilità dei debiti pub- blici e di un eventuale meccanismo per la loro ristrutturazione”.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA