Fognini: maratona eroica



COPPA DAVIS/AZZURRI AI QUARTI (COL BELGIO) DOPO LA VITTORIA SU PELLA

BUENOS AIRES. Al termine di un incontro sulle montagne russe, Fabio Fognini ha portato il punto del 2-3 che, eliminando l’Argentina campione in carica, ha proiettato l’Italia ai quarti di Coppa Davis, dove dal 7 al 9 aprile affronterà (in trasferta) il Belgio, che a sorpresa ha escluso la Germania. Con Guido Pella è stata l’ennesima ma- ratona (4 ore abbondanti) di una sfida lunga quattro giorni, cinque partite e 22 set. E che l’Italia si era illusa di vincere facile dopo aver chiuso sul 2-0 a proprio favore la prima giornata. Invece, sprecato nel doppio di sabato il match point che l’avrebbe promossa ai quarti, è stata raggiunta sul 2-2. “Fabio è stato eccezionale soprattutto per- ché aveva iniziato contratto e teso, dopo che avevamo perso due match in maniera rocambolesca, a cominciare dal doppio - ha commentato capitan Barazzutti, provato ma felice - Ed è stato bravo anche perché dal pubblico è arrivato qualche insulto di troppo”. Per battere Pella, Fognini è dovuto risalire dallo svantaggio maturato nei primi due set (6-2, 6-4) che parevano presagio di sventura. Invece, sotto il sole tornato a splendere su Buenos Aires (e con Maradona ancora in tribuna a tifare), il Fognini impacciato ed impreciso di avvio matchreo di diversi errori sia al servizio che negli scambi - ha saputo resettare la mente e scacciare lo sconforto. Da lì è iniziata la rimonta, mentre cominciavano a vedersi le prime crepe nel muro eretto da Pella, al quale non è più bastato rimandare la palla al di là della rete, aspettando lo sbaglio altrui. Nell’ottavo game Fognini è riuscito a convertire la sesta opportunità di break (la 16/a complessiva) che lo ha portato a servire per il set, ottenuto con un ace (3-6).Nella quarta frazione l’azzurro è salito fino al 3-1, vantaggio poi ridottosi a 3-2. Però Fognini ha tenuto un problematico turno (tre palle break annullate), vantaggio prezioso che ha conservato, riuscendo così a pareggiare il conto dei set (4-6). Nel quintoset un break ha permesso a Fognini di andare sul 3-2, poi sul 4-2. Pella, ormai stanco, ha perso ancora il servizio (5-2) ed al primo match point l’azzurro ha guardato la palla dell’avversario uscire, per poi chinarsi a baciare la terra rossa


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA