• Redazione

Giampaolo il futuro Samp


IL PRESIDENTE FERRERO: “MAI STATO IN DISCUSSIONE. OBIETTIVO 45 PUNTI”


GENOVA. “Giampaolo? Finché ci sarò io lui non è discussione e non lo è mai stato”. Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, spazza via le voci relative ad un eventuale addio del tecnico in caso di sconfitta nel derby di sabato prossimo. “Lui è un professore di calcio, l’ho scelto personalmente e credo in lui - ha affermato Ferrero, ospite a “Gradinata Sud” sull’emittente tv ligure Primo-canale -. Avevo incontrato altri due allenatori la scorsa estate ma poi ho puntato su di lui ed è stata una scelta ponderata: i cavalli si vedono al traguardo”. Poi sul derby: “Sono certo che i miei mangeranno l’erba del Ferraris, sono partite dove le motivazioni si trovano automaticamente e non servono parole da parte mia. Chi vincerà? Stavolta non faccio pronostici, visto che l’anno scorso avevano portato sfortuna”. E sul momento della squadra, due punti in sei partite, spiega: “La classifica è bugiarda: ci mancano quattro punti e se li avessimo ora si farebbero discorsi diversi. I tifosi è giusto che critichino, è il loro mestiere, ma ogni tanto un grazie? Io

soffro per la Sampdoria, voglio lasciare qualcosa d’importante e vincere. Non sono più tifoso della Roma, io penso solo alla Samp che ha i colori più belli del mondo. Il nostro obiettivo? Quest’anno vogliamo raggiungere 45/46 punti, divertirci e fare crescere i nostri giovani per poi puntare a qualcosa di più nella prossima stagione”.Il presidente conferma poi l’arrivo nell’organigramma societario dell’ex dirigente di Roma e Fiorentina Daniele Pradè, il quale, spiega, “sarà il responsabile dell’area tecnica e non ci saranno assolutamente problemi con Carlo Osti che continuerà ad essere il direttore sportivo”. Qualche riflessione sulla passata stagione. “Montella? Avevo esaudito ogni sua richiesta, nessuno si aspettava che la stagione finisse in quel modo. Quanto a Eder è stato lui a chiedere di andare via dalla Samp”. E ancora, su Fantantonio: “Cassano è un grande giocatore, lo stimo molto ma sono state fatte delle scelte societarie e di campo”. Massimo Ferrero allontana il possibile reintegro del giocatore barese che a settembre era stato

escluso dalla lista ufficiale dei giocatori blucerchiati consegnata alla Lega Calcio. E sul futuro della società relativamente a possibili acquirenti, Ferrero è categorico: “La Sampdoria non è in vendita”. Infine, brutta tegola per la squadra che dovrà rinunciare al portiere Emiliano Viviano nel prossimo derby. Il numero uno doriano è stato sottoposto ad accertamenti al polso della mano sinistra dopo l’infortunio patito al 26' del primo tempo a Pescara: gli esami hanno evidenziato una infrazione dello scafoide. Oltre al parere dell’ortopedico della società, professor Claudio Mazzola, lo staff sanitario blucerchiato guidato dal dottor Amedeo Baldari ha consultato gli specialisti di chirurgia della mano che hanno confermato di procedere con una terapia conservativa. Sarà quindi confezionato un apposito tutore per l’arto e, tra circa dieci giorni, saranno previsti ulteriori accertamenti. Dunque almeno un mese di stop per Viviano: al suo posto toccherà a Christian Puggioni, promosso quest’anno a secondo portiere.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA