Giunse l’ora della Juve



La capolista/Obiettivi: primato in Serie A e qualificazione nei due match col Manchester

TORINO. Siallargailgruppodicalciatori a disposizione di Allegri nel giorno della ripresa. Alla Continassa si sono rivisti i quattro azzurri Bonucci, Chiellini, Bernardeschi e Perin, l’azzurrino Kean, oltre a Pjanic, Cancelo e Szczesny: seduta di allenamento in vista del ritorno in campo, in programma sabato nell’Allianz Stadium contro il Genoa. Oggii si uniranno al gruppo anche gli altri calciatori europei mentre si dovrà attendere giovedì per riabbracciare i sudamericani Cuadrado, Dybala, Bentancur e Alex Sandro. Meno di un mese per dare la prima scossa alla stagione e (cominciare a) prendersi tutto. La Juventus si rituffa nel vivo del gioco, non soltanto in campionato ma anche - e soprattutto - in Champions League. Davanti ai bianconeri sei partite, quelle fino alla prossima sosta per le Nazionali, che sono una opportunità da sfruttare: per tenere dietro una concorrenza già messa in affanno dalle otto vittorie iniziali consecutive, che hanno messo sei punti tra i bianconeri e il Napoli secondo in classifica, e per mettere le mani sul girone in Europa, dove sono arrivati gli altri due successi dei dieci stagionali. La Juventus è rimasta la sola a punteggio pieno nel gruppo H dopo due partite, dietro ci sono Manchester United (4 punti), Valencia (1) e Young Boys (0). Martedì 23 sarà di scena a Old Trafford mentre la partita di ritorno si giocherà mercoledì 7 settembre. I Red Devils non stanno benissimo, al di là dell’eterna querelle tra José Mourinho e Paul Pogba. Sono tornati alla vittoria nell’ultimo turno, evitando un clamoroso tonfo interno con il Newcastle, andato avanti 2-0 e superato nel recupero. In Premier sono già sette punti dietro il trio City-Chelsea-Liverpool, in Europa non sono andati oltre lo 0-0 interno con il Valencia nell’ultimo turno. Un’occasione ghiotta, ghiottissima, per la Juventus. Se arrivassero quattro punti in due partite, sarebbe qualificazione certa; se ne arrivassero sei, sarebbe primo posto certo, con l’opportunità di essere testa di serie al sorteggio degli ottavi. LACURVA- Alpostodegli‘ultrà’ju- ventini, ‘squalificatì per i cori razzisti e discriminatori, nella curva sud dell’Allianz Stadium, sabato in Juventus-Genoa ci saranno i ragazzi delle scuole calcio. Dopo l’ok della Figc e della Lega di Serie A, sulle tribune di solito occupate dal tifo organizzato, potranno sedersi giovani calciatori nati tra il 2004 e il 2011. Al massimo ne potranno essere ospitati 9.000, l’iniziativa è rivolta ai ragazzi delle società dilettantistiche del Piemonte e della Valle d’Aosta. Il programma fa parte dei progetti ‘Gioca con mè e ‘Un calcio al razzismò, sviluppati in collaborazione con il centro Unesco di Torino. A gestire le pre- notazioni è il Comitati regionale Piemonte- Valle d’Aosta della Lega nazionale dilettanti.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA