Gli abusi tormentano il Papa



IL PONTEFICE COMMISSARIA SODALITIUM CHRISTIANAE VITAE: ALLE PORTE IL VIAGGIO IN PERÙ

CITTÀ DEL VATICANO. A pochi giorni dal viaggio che lo porterà in Cile e Perù, papa Francesco, tramite il competente dicastero di Curia, commissaria un istituto di religiosi con sede proprio a Lima, capitale del Perù, al centro da tempo di indagini - anche delle autorità giudiziarie - su vicende di abusi sessuali e sulla gestione delle finanze. La Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata, infatti, ha promulgato ieri il decreto con cui dispone il commissariamento del Sodalitium Christianae Vitae (Sodalizio di Vita Cristiana) e ne ha nominato commissario mons. Noel Antonio Londono Buitrago, vescovo di Jericò (Antioquia), in Colombia. Il provvedimento riguarda il 'Sodalizio' composto da laici e sacerdoti fondato nel 1971 dal teologo peruviano Luis Fernando Figari, e approvato l'8 luglio 1997 da papa Giovanni Paolo II come società di vita apostolica di diritto pontificio. È proprio per il fondatore Figari, che da qualche anno vive a Roma, indagato per i reati di associazione a delinquere e lesioni gravi, che recentemente la Procura del Perù ha chiesto nove mesi di prigione preventiva. Figari era stato in precedenza accusato come presunto responsabile di abusi fisici, psicologici e sessuali di giovani, alcuni dei quali minori. Nel marzo del 2017 la procura ha riaperto il controverso caso, dopo essere stato archiviato dalla procuratrice Maria del Pilar Peralta."L'Ufficio del Procuratore va avanti formalizzando un'accusa di associazione illecita destinata a commettere abusi sessuali. Non denuncia in sé i crimini sessuali, perche' molti di questi sono caduti in prescrizione, ma l'associazione illecita per commetterli, che è ancora perseguibile. Mi sembra un'idea intelligente", ha dichiarato il mese scorso l'avvocato delle vittime Hector Gadea. Secondo l'avvocato di Figari, Armando Lengua, le accuse della Procura non hanno però fondamento, e la richiesta di prigione preventiva sarebbe dovuta all'intenzione di provocare un "impatto collettivo" in vista della visita del Papa in Perù, in programma la prossima settimana. Ma neanche la Santa Sede è stata a guardare. Dopo un'indagine condotta dal cardinale americano Joseph William Tobin, che ora resta il referente della Congregazione vaticana come delegato 'ad nutum' in relazione al 'Sodalitium', in particolare riguardo alle questioni economiche, ecco la misura del commissariamento. Il Papa, ha riferito la Sala stampa vaticana, "ha seguito con preoccupazione tutte le informazioni che, da diversi anni, arrivano alla Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica sulla situazione del Sodalizio di Vita Cristiana", e "ha mostrato di essere particolarmente attento alla gravità delle informazioni che riguardano il regime interno, la formazione e la gestione economico-finanziaria, motivo per il quale ha chiesto con insistenza al Dicastero un'attenzione particolare". A ciò "si sono sommate recentemente le serie misure adottate dall'autorità giudiziaria peruviana nei confronti del signor Luis Fernando Figari. Dopo una approfondita analisi di tutta la documentazione, il Dicastero ha promulgato il Decreto di Commissariamento"


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA