I medici: “Trump sta bene”

MA È GIALLO SULLA SUA SALUTE. “CRUCIALI LE PROSSIME ORE”. E LUI TWITTA



WASHINGTON. Il bollettino medico di Donald Trump dopo la prima notte all’ospedale militare Walter Reed per il covid-19 è apparentemente rassicurante ma ha suscitato più di un dubbio con una fonte a conoscenza delle condizioni di salute del commander in chief che ha dipinto un quadro più allarmante. “Il presidente sta molto bene”, ha garantito in una conferenza stampa il medico della Casa Bianca Seam Conley, circondato da uno staff di dieci dottori del Reed, tutti con la mascherina e il camice bianco. “In questo momento io e il team siamo estremamente contenti dei suoi progressi”, ha proseguito, riferendo che Trump “e’ senza febbre da 24 ore” e che “le funzioni cardiache, dei reni e del fegato sono normali”. Inoltre, ha aggiunto, ora non ha bisogno dell’ossigeno. “E’ di buon umore, ha detto che si sente come se potesse uscire da qui oggi”, ha riferito lo staff, raccontando anche che il paziente ha chiesto della idrossiclorochina, il controverso trattamento da lui promosso all’inizio della pandemia, ma che non la sta assumendo. “Sta andando bene, credo”, aveva twittato nella notte lo stesso presidente. I medici però hanno spiegato di non essere in grado di prevedere i tempi delle dimissioni dall’ospedale, alimentando l’incertezza che grava sul Paese, sulle elezioni e sui mercati. Incertezza aggravata da un ‘insider’, che dopo il briefing ha confidato ai reporter una situazione meno rosea: “le funzioni vitali del presidente sono state molto preoccupanti nelle ultime 24 ore e le prossime 48 ore saranno cruciali in termini di cura. Non siamo ancora su una strada chiara per un pieno recupero”. Non giocano a favore di Trump ne’ l’età (74 anni) né l’accertata obesità. La conferenza stampa inoltre ha sollevato alcuni dubbi. Il primo riguarda i tempi della diagnosi, che Conley ha fatto risalire a 72 ore fa, ossia a mercoledì’, prima di quando è stata resa nota nella notte di giovedì la notizia della positività alCovid del presidente. La Casa Bianca ha precisato che Conley intendeva dire che oggi è il terzo giorno dalla positività al test. Il secondo interrogativo è legato al fatto che il medico ha dribblato la domanda se Trump abbia avuto bisogno dell’ossigeno prima di oggi. Un’ipotesi rilanciata dalla Cnn secondo cui venerdì si è reso necessario il supporto respiratorio. Dubbi che rafforzano le polemiche sulla carenza di trasparenza della Casa Bianca sulle condizioni di salute del presidente, che al momento è trattato con il remdesivir e con un’altra terapia sperimentale: un cocktail di anticorpi policlonali sintetici. Quanto alla first lady Melania, anche lei contagiata, “sta bene” e “sta facendo la convalescenza a casa”, hanno riferito i medici. Trump è il primo presidente ad essere ricoverato dopo Ronald Reagan, rimasto ferito in un attentato 39 anni fa. In quell’occasione però i poteri passarono al suo vice George H.W. Bush. ‘Donald’ invece ha deciso di non passare il timone a Mike Pence e di restare alla guida della nazione dalla suite presidenziale del Walter Reed, presentandosi ai suoi fan come un guerriero che sfida la nemesi del Covid. Dal suo letto di ospedale non ha rinunciato neppure a twittare e a fare campagna: “I dottori, le infermiere e tutto il grande Walter Reed Medical center, e il personale di altrettante incredibili istituzioni che si è unito a loro, sono straordinari! Enormi progressi sono stati fatti negli ultimi 6 mesi nella lotta a questa piaga. Col loro aiuto mi sento bene!”, ha scritto, prima di invitare dem e repubblicani a lavorare insieme sui nuovi aiuti contro la pandemia. Ma la sua campagna si complica: risultano contagiati anche il campaign manager Bill Stepien e un’altra decina di persone, tra cui tre senatori, che rischiano di mettere in pericolo la conferma della giudice conservatrice Amy Coney Barrett alla corte suprema prima del voto del 3 novembre. Il focolaio iniziale del contagio potrebbe essere stato proprio la cerimonia di sabato scorso alla Casa Bianca per annunciare la sua nomina. A Trump non resta che sperare che la sua malattia abbia un effetto emotivo sugli elettori, dopo il coro di auguri bipartisan, anche all’estero. Ma media ed esperti ritengono che in realtà potrebbe avere un effetto penalizzante, avendolo trasformato in vittima della sua imprudente sfrontatezza verso il virus. E sui social cresce la marea di auguri per la sua morte, tanto che Twitter è stata costretta a rimuovere migliaia di cinquettii funebri.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA