I piccoli affanni del NAPOLI




Lo scudetto/Con un po’ di fatica, la capolista conquista 3 punti in attesa del

Manchester City

IL NAPOLI SI riprende la vetta del classifica in solitudine. Gli azzurri battono il Sassuolo con il solito ampio punteggio, anche se con qualche affanno in più di quanto si legga dal risultato finale. Quel che conta però in questo momento della stagione è soprattutto mantenere il passo da vertice della graduatoria, senza andare troppo per il sottile e Sarri, tutto sommato, deve essere soddisfatto. Il tecnico partenopeo fa riposare Hysaj e Koulibaly, due fra quelli che stanno giocando con maggiore continuità dell’inizio del campionato. Nel corso della partita, poi, dà un pò di respiro anche ad Hamsik, Callejon ed Insigne. Tirare il fiato è importante soprattutto per chi non si risparmia mai. La gara si gioca davanti ad oltre 50 mila spettatori. Un antipasto di quello che sarà lo spettacolo di mercoledì prossimo, quando gli azzurri affronteranno il Manchester City in Champions League e già si annuncia un nuovo pienone. Nella gara con il Sassuolo ci sono alcuni momenti in cui le cose si potrebbero mettere maluccio per la squadra di casa, ma poi tutto gira per il verso giusto. È il caso di una traversa colpita da Sensi sullo 0-0 che potrebbe indirizzare in maniera diversa la gara. I partenopei attraversano ancora un momento delicato sul finire del primo tempo quando gli emiliani raggiungono il pari. Passano però solo tre minuti e la squadra di Sarri si riporta in vantaggio con uno spiovente dalla bandierina di Callejon deviato in porta da Consigli. Nella ripresa, infine, un errore di Chiriches, che atterra Peluso con- vince l’arbitro ad assegnare il calcio di rigore. Entra però immediata- mente in funzione il Var che segnala a Pairetto che il fallo è avvenuto fuori area. Il 3-2 in quella fase della gara avrebbe rimesso tutto in discussione ed invece il Napoli può affrontare con serenità il resto della partita, conducendo in porto la vittoria senza altre sofferenze. Anzi nel finale è proprio il Napoli a sfiorare ancora il gol con un tiro di Zielinski dalla distanza che colpisce prima un palo e poi l’altro della porta di Consigli, finendo la sua corsa proprio tra le braccia del portiere. Proprio mentre cominciano i minuti di recupero è poi Mertens a sfiorare il secondo gol personale con un tiro a giro che passa a pochi centimetri dal palo, a portiere battuto. Ma tutto sommato per il Sassuolo si sarebbe trattato di una punizione troppo severa e non del tutto meritata.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA