Icardi assalta la Juve



Scudetto/Il goleador dell’Inter e la super sfida di venerdì: “Non mi accontento del pareggio”

MILANO. Al Gran Galà del Calcio è stato l’uomo copertina per traguardi personali raggiunti nella stagione 2017-2018. Dopo essere stato premiato per il gol più bello della scorsa annata calcistica ed essere stato inserito nella Top 11 dello scorso anno, Maurito ha conquistato anche il riconoscimento di miglior gio-atore dell’ultimo campionato di Serie A. Un traguardo condiviso con i compagni di squadra anche a parole, dopo il prezioso orologio donato ad ogni componente della rosa dopo aver vinto il titolo di capocannoniere dello scorso campionato. In stagione, le reti di Icardi con la maglia dell’Inter sono già 11 in 16 partite giocate tra campionato e Champions League, ma per il centravanti di Rosario è tempo di alzare l’asticella degli obiettivi, personali e di squadra. “Voglio andare avanti, fare grandi cose - è la sua certezza - voglio fare bene con l’Inter. Ho già vinto due volte il titolo da capocannoniere, ma ora voglio vincere qualcosa di importante”. Nel corso del Gran Galà del Calcio, il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio ha parlato anche del rinnovo del contratto che lega Maurito ai nerazzurri fino a giugno 2021. “Non c’è nessun problema, Icardi è l’Inter in tutto e per tutto” aveva spiegato il ds. Parole alle quali il numero 9 ha reagito con entusiasmo: “Ho sempre dimostrato il mio affetto, il mio amore per l’Inter e la sua gente - il suo commento - ringrazio la società che mi vuole tenere qui”. La prossima tappa stagionale è il Derby d’Italia contro la Juventus all’Allianz Stadium. L’ultima volta contro i bianconeri, nello scorso aprile a San Siro, Icardi era uscito dal campo in lacrime dopo aver assistito dalla panchina - com- plice la sostituzione stabilita da Spalletti al minuto 85 - alla rimonta degli avversari 2-1 al 2-3 nel finale. Di fronte ci sarà il connazio- nale Paulo Dybala, superato nel Gran Galà del Calcio in cima alle preferenze per il riconoscimento quale miglior calciatore dell’ultima Serie A: “Dybala è un amico, ci siamo fatti due risate ma siamo già con la testa a venerdì. Sarà una grande sfida”.

LA SFIDA - “Non firmo per il pareggio contro la Juve. Cercheremo di dare tutto quello che abbiamo per arrivare alla vittoria”.

Icardi, non parte sconfitto in vista dell’anticipo di venerdì contro la capolista Juventus. Un anno ricco di soddisfazione per Icardi: “Aspettavo da tanto tempo il gol con l’Argentina. Ho chiuso questo 2018 nel migliore dei modi e trovare il gol con la nazionale è stato perfetto e si è anche chiuso un cerchio visto che dicevano che in nazionale non segnavo. È stato un 2018 indimenticabile. Aspettavamo tutti di tornare in Champions e ci siamo riusciti. Ho vinto la classifica cannonieri. Poi il primo gol in Champions è stato indimenticabile. Abbiamo lavorato duro per arrivare a questo traguardo”. Icardi, dal palco dei “Gazzetta Awards 2018", ricorda con grande trasporto il gol segnato nell’ultimo derby: “È stato un gol spettacolare. Segnare in un derby, all’ultimo minuto, è stato bellissimo. Abbiamo giocato molto bene, dovevamo fare gol prima, ma l’importante è aver vinto”. Quando vede bianco- nero, per Mauro Icardi è gol (quasi) assicurato. Dalla doppietta allo Stadium con la Sampdoria nel 2013 fino al gol del momentaneo 2-1 lo scorso aprile a San Siro (gara poi finita 2-3), le statistiche parlano di otto reti in 11 gare di campionato contro la Juventus per il capitano dell’Inter. Se lo score personale con i bianconeri è positivo, lo è molto meno quello dei risultati di squadra: un solo successo in nove presenze per Icardi in nerazzurro. Dal palco del Gran Galà del Calcio al palcoscenico dello Stadium, il passo sarà breve. Ieri Icardi ha incrociato sguardi e sorrisi con i prossimi avversari, da Cancelo fino a Chiellini, e an- che con un compagno come Radja Nainggolan. Il belga resta il grande dubbio verso il match di venerdi: ieri si è allenato ad Ap- piano insieme all’altro infortunato Dalbert, oggi la squadra tornerà ad allenarsi e si capirà quante possibilità avrà di esserci a Tori- no, seppur filtri un cauto ottimismo. A caricare la squadra ci ha pensato la coppia De Vrij-Skriniar. ‘’Siamo molto carichi, la Juve è una squadra fortissima ma pure noi abbiamo dimostrato di essere forti, ce la giochiamo’‘, le parole dell’olandese a margine della presentazione della compilation ‘’Inter Hits’‘. ‘’Dobbiamo andare a Torino per provare a vincere’‘, ha aggiunto il centrale slovacco.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA