Icardi: esilio finito

INTER/L’ex capitano ha ricominciato ieri ad allenarsi in gruppo, ma non tutto è risolto



MILANO. L'auto esilio è finito, anche se il percorso verso la redenzione con tutto il mondo Inter è ancora solo all'inizio. Mauro Icardi è tornato ad allenarsi con il resto dei compagni di squadra: un rientro parziale per questione di condizione fisica, ma il primo importante passo è fatto. Trentacinque giorni dopo l'ultimo allenamento, così, Icardi si è presentato ad Appiano Gentile intorno alle 10 pronto per tornare in gruppo, accolto da uno striscione dei tifosi: "Facci sognare ancora. Bentornato Maurito". Un rientro morbido, forse anche più morbido del previsto. Le nazionali hanno infatti portato lontano dalla Pinetina 11 giocatori, così al Suning Training Center agli ordini di Luciano Spalletti erano presenti solo altri 8 nerazzurri più i portieri. Con loro l'ex capitano ha svolto solo la prima parte di seduta tra palestra e campo, per poi dedicarsi al lavoro personalizzato per recuperare al più presto la condizione fisica, considerando che l'ultima partita giocata è quella del 9 febbraio con il Parma. Stavolta nessun caso, perché le cure al ginocchio sono finite e l'obiettivo è averlo a disposizione per la gara con la Lazio di domenica 31 marzo, come confermato anche dalla società sul sito: "Lavoro specifico finalizzato al rientro in campo". Una tregua armata, perché il caso ancora non è rientrato, ma resta un buon segnale visto anche quanto accaduto nell'ultimo mese L'importanza del momento è stata certificata inoltre dalla presenza ad Appiano della dirigenza nerazzurra, con Ausilio, Gardini e soprattutto Marotta, che ha avuto un ruolo importante nella diplomazia con l'entourage di Icardi, presenti per l'allenamento. Il vero momento chiave sarà la prossima settimana, al rientro dei nazionali e su tutti Perisic e Brozovic: un confronto fondamentale per chiudere definitivamente il caso, rientrando in squadra a tutti gli effetti e puntare alla convocazione per la sfida con la Lazio, riprendendosi magari il posto perso a partire dalle gare successive. Sullo sfondo resta comunque il mercato, perché l'addio a fine anno sembra rimanere al momento l'ipotesi più probabile. Opzione tuttavia non facile, perché l'Inter non ha alcuna intenzione di svendere Icardi e sullo sfondo resta sempre lo scambio con la Juventus per Dybala. Tutto, però, passa dal totale reintegro in gruppo e dalla conclusione positiva della stagione per i nerazzurri: obiettivo verso cui Icardi ha cominciato a correre.

ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA