Idea ARSENAL per Allegri


Juventus/Visite mediche oggi per Rincon, dalla Premier League voci sul dopo-Wenger


TORINO. Un livornese a Londra. Il futuro di Massimiliano Allegri potrebbe essere in Premier League. Dopo l’anticipazione della “Gazzetta dello Sport” di martedì, secondo cui il tecnico della Juventus starebbe pensando di chiudere la propria esperienza bianconera al termine della stagione, oggi il “The Sun” ha spiegato quale potrebbe essere la destinazione futura: l’Arsenal. Secondo il tabloid britannico, infatti, l’agente di Allegri sarebbe in contatto con i dirigenti dei Gunners, alla ricer-ca di un sostituto di Arsene Wenger, che, dopo oltre 20 anni, a fine stagione è destinato a lasciare. Sempre secondo il quotidiano londnese il tecnico bianconero avrebbe già ricevuto indicazioni positive sull’ambiente dell’Emirates Stadium. Allegri, comunque, non sarebbe l’unico candidato ad erede di Wenger: in corsa, sebbene in seconda fila, ci sarebbero anche Ralph Hasenhüttl, tecnico del Lipsia, Eddie Howe, del Bournemouth, e Die- go Pablo Simeone. L’Arsenal, però, preferirebbe Allegri perché ha saputo lavorare con un budget non illimitato ed ha dimostrato di saper primeggiare in uno dei campionati principali d’Europa. ECCO RINCON - Manca solo l’ufficialità ormai: Tomas Rincon è un giocatore della Juventus e all’apertura della finestra invernale di mercato comincerà la propria avventura a Torino. Secondo quanto riportato da Sky Sport, sono infatti state fissate per oggi le visite mediche per il centrocampista venezuelano, che si recherà quindi al JMedical per i controlli clinici di rito. Rincon arriva alla Juve dal Genoa con la formula del prestito oneroso a 2 milioni di euro, con riscatto obbligatorio fissato a 6 milioni più uno di bonus, per una operazione che potrebbe complessivamente fruttare circa 9 milioni di euro al club di Preziosi. Beffata la Roma, che fino a ieri sembrava in pole per assicurarsi “El Gene- ral”, com’è soprannominato il centrocampista 28enne. La Juventus lenisce le ferite del campo consolandosi con il mercato. L’ad bianco-nero Beppe Marotta avrebbe sorpassato la concorrenza della Roma nella corsa al centrocampista venezuelano del Genoa. Il “Generale” aggiungerebbe ulteriore dinamismo e tecnica alla mediana di Allegri, reparto finora meno performante della corazzata bianconera, senza escludere l’arrivo di Witsel. Il restyling del centrocampo non prevede solo Rincon per puntare alla Champions League e al campionato: prosegue infatti la caccia al belga, trattativa iniziata questa estate e giunta a un punto di svolta. Più che il giocatore, ormai convinto a sposare la causa bianconera, resta da convincere lo Zenit San Pietroburgo, per nulla allettato dall’idea di perdere a giugno il centrocampista a parametro zero ma restio ad accettare l’offerta della Juventus, considerata ancora inadeguata. In uscita, invece, è probabile l’addio a gennaio di Hernanes. Più Valencia che Genoa per il brasiliano, che con Prandelli dovrebbe trovare lo spazio per esprimere tutto il suo potenziale.Mentre i giocatori si godono la sosta natalizia divisi tra il caldo delle Maldive e gli affetti di casa, Marotta e Paratici cerca- no in tutti i modi di esaudire le richieste di Massimiliano Allegri: il tecnico livornese, al centro delle critiche dopo il ko di Super-coppa con il Milan, sta pianificando la fase decisiva della stagione, monitorando il recupero degli infortunati Bonucci, Dani Alves e Alex Sandro e la decisiva sessione di mercato. Le voci su un suo possibile addio a fine stagione si susseguono, figlie della delusione per il primo obiettivo stagionale sfumato: in questo momento, però, i dubbi di Allegri riguardano il periodo che va da metà gennaio ai primi di febbraio, in cui il tecnico dovrà fare a meno di Lemina, Benatia e, proba- bilmente, Asamoah, tutti impegnati nella Coppa d’Africa. Il ko di Doha non ha però intaccato l’apprezzamento di Sami Khedira per l’ambiente bianconero, “organizzato e preciso come se fossimo in Germania”. In casa Juventus, sottolinea il centrocampista tedesco, “tutto viene gestito con precisione e puntualità”. A cominciare, appunto, dal mercato di gennaio, che fa segnare i primi botti ancora prima di cominciare.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA