Il Cav indagato per mafia


SICILIA/A RIDOSSO DEL VOTO, SU FI SI ABBATTE LA SCURE DELLA GIUSTIZIA


PALERMO. A cinque giorni dalle Regio- nali in Sicilia lo “spettro” dell’impresen- tabilità lambisce anche Silvio Berlusco- ni. Nel giorno del suo arrivo a Palermo, infatti, emerge la notizia che il leader di FI sia indagato per mafia - assieme a Mar- cello Dell’Utri - come mandante per le stragi del 1992 e 1993. La reazione dello stato maggiore di FI è veemente: “Torna la giustizia a orologeria”, urlano i big az- zurri sottolineando tutto il loro sdegno per quel che, a loro parere, appare come un film già visto.

Ma “il colpo giudiziario” produce an- che un effetto positivo sulla coalizione che sostiene Nello Musumeci e che si avvia a presentarsi unita alle Politiche: la ricucitura tra Berlusconi e Mat- teo Salvini. Il leader della Lega, di prima mattina, si reca a sorpresa all’hotspot di Villa Sikania sull’onda della sua campagna fatta tutta di richiami alla “lega- lità” e alla “normalità”.

E, ai cronisti che chie- dono dell’indagine, Salvini preferisce non risponde- re a caldo: il momento è de- licato e dopo il caso delle piazze separate a Catania il rischio è che la coalizio- ne dia un’impressione di pericoloso sfilacciamento. Poche ore dopo, a mezzo

stampa, Salvini opta per non allargare le distanze. “E’ ridicolo indagare Berlusco- ni per le stragi di mafia, è il solito inter- vento politico di una parte della magistra- tura” afferma, mettendo in scena il “coup de theatre” preparato, evidentemente, as- sieme a Berlusconi: “Andrò a salutarlo giovedì sera al comizio a Catania prima di incontrare i cittadini assieme a Mu- sumeci”. La foto-op di Salvini e Berlu- sconi ai fianchi del loro candidato, quin- di, ci sarà e sarà alle Ciminiere alle 18, al comizio del leader azzurro.

Leader che, fino a lunedì sera, confer- mava invece il suo programma “solitario” nella città etnea. Ma, probabilmente, nel quartier generale azzurro il “colpo” giudiziario ha fatto riflettere inducendo ad uno scatto di unità per dare il là a un candida- to sempre più tallonato dal M5S.

Nel merito dell’inchiesta, invece, da FI filtra una piccata reazione. “Berlusconi è totalmente estraneo, l’ennesima indagine non potrà che concludersi con una rapida archiviazione”, sottolinea l’avvocato Nic-

colò Ghedini. “E’ una noti- zia farsesca”, aggiunge il governatore ligure Giova- ni Toti mentre i capogrup- po Paolo Romani e Renato Brunetta parlano di “attac- co boomerang” e di “fan- go mediatico giudiziario”. Pronta anche la solidarietà della leader di Fdi Giorgia Meloni. E anche gli ex pdiellini - da Gaetano Qua- gliariello a Raffaele Fitto fino a Fabrizio Cicchitto - fanno pervenire ad Arcore messaggi di netta vicinan- za.

Un discreto silenzio giunge invece dal Pd laddove il M5S, attaccato sui tweet dell’aspirante assessore Angelo Parisi, se la prende con l’agenda mediatica: “Nel gior- no in cui Berlusconi viene indagato per mafia il Pd non ha niente di meglio da fare che accanirsi su un tweet”. Certo, in una campagna che ha fatto del concetto di “im- presentabile” uno dei suoi marchi di fab- brica l’indagine per mafia nei confronti dell’ex Cav potrebbe avere qualche effet- to.

E potrebbe insinuarsi anche nella cam- pagna di Salvini che, dal suo “sbarco” in Sicilia, non fa che prendere le distanze dai “cosiddetti impresentabili delle liste col- legate a Musumeci. Musumeci che opta dal

canto suo per uno scarno tweet di solida- rietà: “Per Berlusconi solo amicizia e affetto”.

E in serata il candidato del centrode- stra e il commissario di FI in Sicilia Gian- franco Micciché incontreranno Berlusco- ni, il cui arrivo a Palermo era atteso per ieri sera. Oggi l’ex premier sarà al Teatro Politeama, e da lì, probabilmente, scan- dirà la sua reazione all’inchiesta di Firenze. Poi, giovedì il comizio a Catania e la foto-op con Salvini per ridare slancio ad una coalizione che, in Sicilia, non può permettersi sconfitte.


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA