Il centrocampo di Barella

IL PERSONAGGIO/GRINTA, GOL E ASSIST: ECCO L’UOMO IN PIÙ DELL’INTER



MILANO. Una notte perfetta, che i tifosi interisti aspettavano da tempo. La vittoria contro la Juventus rilancia le ambizioni scudetto degli uomini di Conte, nel segno di Nicolò Barella. Non può che essere il sardo, infatti, l’uomo simbolo del primo successo contro i bianconeri dopo 1586 giorni, e non solo per il gol. Il cuore e la grinta hanno fatto diventare l’ex Cagliari un idolo per i tifosi, che vedono in lui l’erede di un altro centrocampista tutto passione come Nicola Berti, mentre magari Conte dalla panchina rivedrà un se stesso più giovane. La crescita, che farà felice anche Mancini in chiave nazionale, è resa evidente anche dai numeri: Barella ha infatti già migliorato sia a livello di gol (2 contro 1) che di assist (5 contro 4) lo score totalizzato con l’Inter nella scorsa Serie A. La festa per il centrocampista classe 1997 non si è conclusa con la vittoria sulla Juventus: alle 6:23 infatti la moglie Federica Schevenin (sono sposati dal 2018) ha dato alla luce Matilde, la terzogenita di casa Barella. “Benvenuta Matilde del nostro cuore”, ha scritto la mamma in un post su Instagram. “Benvenuta piccola di casa”, ha aggiunto il centrocampista sardo in un secondo post. Per la coppia si tratta così della terza figlia dopo Rebecca (nata nel 2017) e Lavinia (2019). Il successo nel big match e la crescita dei suoi uomini decisivi fa così ben sperare Conte nella corsa scudetto, che ripartirà domenica dalla sfida contro l’Udinese alla Dacia Arena, prima di pensare al derby di Coppa Italia contro il Milan della settimana successiva. Intanto in casa nerazzurra tiene banco anche il progetto relativo al nuovo logo. Ma nessun cambio di denominazione: “L’Inter non cambierà nome”, ha infatti dichiarato all’ANSA Alessandro Antonello, amministratore delegato corporate della società nerazzurra, smentendo le indiscrezioni che si sono rincorse su molti organi di informazione. “Il club - ha aggiunto Antonello - sta lavorando da oltre un anno a un progetto di marketing, basato sui valori storici dell’Inter, che ha l’obiettivo di avvicinare e coinvolgere i suoi milioni di tifosi e rafforzare ulteriormente il legame con la città di Milano”. Un progetto che potrebbe vedere la luce a marzo, per il 113esimo compleanno della società, anche se la trattativa con Bc Partners (considerando la due diligence in corso sui conti del club) potrebbe rallentare l’operazione di rebranding.

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro