Il duello



Lo scudetto/Hamisk conferma: “È una sfida con la Juve. Verdi? Sentirà il pubblico”

NAPOLI. Ha prestato la sua maglietta più amata che indossava quando segnò il gol numero 116, quello del record assoluto nella storia del Calcio Napoli, alla mostra “Il Napoli nel mito - Storie, campioni e trofei mai visti”, allestita al Museo Archeologico Nazionale. Ieri Marek Hamsik l’ha consegnata, sistemandola in una bacheca, ma a chiusura della rassegna, il 28 febbraio prossimo, la porterà di nuovo a casa perché quella maglia rappresenta il ricordo più bello della sua carriera. Tra i tanti cimeli esposti ci sono anche le due coppe degli scudetti conquistati a cavallo fra gli anni ’80 e gli anni ’90. Gli viene fatto notare che c’è spazio per atri trofei di quel genere. ‘’Stiamo facendo tutto il possibile - dice Hamsik - per portare a Napoli la coppa dello scudetto, questa città se lo merita. Ci pensiamo tantissimo, ormai dopo oltre venti giornate siamo là e combattiamo per arrivare primi alla fine’‘. ‘’Tutto il gruppo - spiega lo slovacco - ha in testa il titolo, ci aspettano partite sulla carta facili ma sul campo difficili e allora dobbiamo tenere la testa bassa e portare a casa più vittorie possibili. Ora ci aspetta un mini ciclo al San Paolo a partire da domenica quando sicuramente verranno in 50.000: vogliamo sfruttare queste partite e provare a vincerle tutte. La nostra forza sono anche i nostri tifosi’‘. Quello che si va delineando, anche alla luce dei risultati dell’ultima giornata di campionato, è un testa a testa con la Juventus. ‘’È vero - ammette Hamsik - e conteranno tanti aspetti, anche quello dei nervi saldi. Ogni partita deve essere come una finale, non solo lo scontro diretto a Torino. Sappiamo che da qui in avanti ogni punto vale molto la Juve ne perderà qualcuno, come anche noi ma l’importante sarà come si arriva alla fine’‘. Domenica il Napoli ospita il Bologna al San Paolo e scenderà in campo anche Verdi, dopo il rifiuto a trasferirsi in azzurro. ‘’Non dico niente - commenta Hamsik - sentirà quello che dirà il pubblico’‘.

Il capitano, però, non sembra essere molto inte- ressato alle notizie che filtrano sul calciomercato. ‘’La nostra rosa - dice - è ampia e quelli che vengono chiamati in causa hanno risposto bene finora. Non so cosa stia facendo la società ma la squadra è pronta ad affrontare la stagione fino alla fine bene, stiamo bene atleticamente come abbiamo dimostrato a Bergamo dopo la sosta e questo è un segnale importante’‘. Quanto alla presenza della sua maglietta del re- cord in un Museo, Hamsik dice che gli fa un certo effetto vederla esposta in un simile contesto. ‘’Tutti questi gol - spiega - li ho segnati in oltre dieci anni, che sono tre quarti della vita di un calciatore. Sono contento di essere riuscito a fare tanti gol da centro- campista’‘. ‘’Sono contento - conclude lo slovacco - di far parte di questa mostra e della storia del Napoli. Ho fatto tanti gol belli e importanti ma quelli che si ricordano di più sono quelli che portano trofei e quin- di dico che preferisco quello in finale di Coppa Italia con la Juve’‘. GIACCHERINI VUOLE ANDARSENE - «Non ha senso rimanere a Napoli, lo sa bene anche la società ed è d’accordo con noi. Siamo arrivati con entusiasmo e siamo stati bene. Andremo via con una formula che gratifichi tutti». Così Furio Valcareggi, agente di un Emanuele giaccherini che da diverse settimane sembra avere la valigia pronta. «Forse il no di Verdi avrà complicato il programma del Napoli. Ma noi non siamo più nemmeno attaccanti, quando escono Mertens o Callejon non entriamo più noi, non sappiamo di chi siamo i sostituti», sbotta. «Lui si allena sempre come titolare, su questo non c’è dubbio, ma poi alla fine Sarri è primo in classifica quindi ha ragione lui», continua Valcareggi a Radio Marte. «Penso che in qualche maniera il divorzio sia consensuale, non c’è isterismo da parte nostra. Sembra ci siano polemiche, ma in realtà c’è un bellissimo rapporto con la società. Lui a Napoli si trova bene, ma gioca poco. L’ingaggio è un problema delle società, non credo ci possa essere una rescissione, preferirei andare via senza strascichi».


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA