Il governo decide a metà

MILLEPROROGHE/L’ESECUTIVO SI CONCEDE TEMPO SU SFRATTI E TRIVELLE



ROMA. Mini-proroga della moratoria del- le trivelle, nuovo rinvio del passaggio al mercato libero dell’energia, più tempo ai sindaci alle prese con la carta per le aree idonee in cui localizzare il deposito nazio- nale delle scorie nucleari. Ma retromarcia sul blocco degli sfratti, che resta così co- m’è fino alla fine di giugno (bocciato an- che l’emendamento di Fdi) e niente di fat- to pure su Alitalia. Regge, pur con qualche frizione, la nuova maggioranza alla prova del voto sul decreto Milleproroghe che riceve l’ok del’aula di Montecitorio per poi passare all’esame del Senato. In una maratona per approvare più mo- difiche possibili sono andati in scena i complessi nuovi equilibri tra i partiti che sostengono il governo Draghi e dopo che Montecitorio ha bocciato l’emendamento a firma Fratelli d’Italia per sospendere la riforma Bonafede della prescrizione dopo la mediazione del ministro Marta Cartabia che ha portato alla vigilia al ritiro di tutti gli emendamenti di maggioranza sulla prescri- zione. Nel fine settimana c’è stato il voto sui circa 200 emendamenti supersegnalati dai gruppi proprio per fare presto su un prov- vedimento che altrimenti sarebbe in sca- denza il prossimo primo marzo senza il voto del Senato. I ministeri, che pure si stanno ancora riorganizzando sono scesi in campo negli ultimi giorni: quello della Giustizia, ha la- mentato nei giorni scorsi Confedilizia, bloc- ca l’intesa raggiunta a fatica tra i partiti per mitigare il blocco degli sfratti, quello del- l’Ambiente per mediare sulle trivelle. Su- gli sfratti l’idea era quella di consentire dal primo aprile il rilascio degli immobili se le morosità degli inquilini erano state certifi- cate prima della pandemia (cioè prima di marzo 2020). Per negozi e attività commer- ciali a fare da spartiacque ci sarebbero sta- te invece le chiusure anti-Covid. Ma poi si è scelto di avere più tempo per preparare un ordine del giorno che possa guidare il governo nelle prossime settimane verso una soluzione condivisa, da inserire nel primo provvedimento utile. Alla fine, niente di fatto. Lo stesso vale per Alitalia: l’emenda- mento che rivedeva le norme per la ces- sione della ex compagnia di bandiera e per la restituzione del prestito pubblico rima- ne accantonato. Nella fretta di chiudere c’è stato spazio comunque per diverse novità, dal bonus vacanze che si potrà utilizzare fino a fine 2021 (tra le polemiche di Fdi) all’anno ac- cademico 2019-2020 prorogato fino al 15 giugno per dare tempo agli universitari di laurearsi in corso nonostante gli stop im- posti dall’emergenza. Tra gli emendamenti approvati alcuni dei temi cari al Movimento 5 stelle come la moratoria delle trivelle, che andrà avanti ancora fino a settembre per “dare tempo al governo Draghi di intervenire definitivamente”, mentre il mercato libero dell’energia slitta di un altro anno, a gen- naio 2023 - con i clienti del mercato tutela- to che potranno rimanere con i loro attuali contratti ancora per tutto il 2022. Come chiesto dai sindaci arriva poi un po’ più di tempo per le consultazioni sulla nuova carta dei siti idonei per il nucleare (ci saranno 120 giorni, e si sposta più in là anche la data per il seminario nazionale propedeutico alla sua adozione definitiva). Spazio anche alla P.a., con l’ampliamento della platea dei precari che potranno beneficiare della stabilizzazione (i requisiti si possono maturare fino a tutto il 2021), al classico rinvio dell’adeguamento antincendio delle scuole ma anche al raf- forzamento della struttura del Mef chia- mata ad attuare il Recovery Plan, con 30 assunzioni e la possibilità di utilizzare 10 dipendenti di altre amministrazioni.

AmericaOggi.us Tutti i diritti riservati

Crea un account
e ottieni contenuti esclusivi e molto altro