“Il litorale è dei nigeriani”



MIGRANTI/DE LUCA PARLA DI “OCCUPAZIONE MILITARE DEL TERRITORIO” E ATTACCA IL PD

NAPOLI. Se a Salerno lo chiamavano il sindaco sceriffo è perchè a lui, esponente della sinistra, stava particolarmente a cuore il tema della sicurezza. Pronto anche a scendere in strada al fianco dei vigili urbani.

Da governatore della Campania ed esponente del Pd non ha cambiato idea. Anzi. E in un suo intervento, immortalato da un video che sta facendo il giro dei social, Vincenzo De Luca ha affrontato a muso duro la questione, facendo sobbalzare, per toni e contenuti delle sue parole, i partecipanti al dibattito alla Festa dell'Unità a Ravenna. "Ci sono bande di nigeriani che hanno occupato militarmente i territori. Sul litorale domizio (in provincia di Caserta, ndr) fanno spaccio di droga e gestiscono la prostituzione", ha detto. E, poi ha proseguito: "attorno ai centri di accoglienza ci sono extracomunitari che tornano a casa ubriachi mentre i padri che aspettano le loro figlie affacciati al balcone". Va detto che le parole hanno fatto seguito alla necessità di aiutare chi è in difficoltà perchè chi non soccorre "è una bestia. Vuol dire essere privi di valori umani quando su una nave abbiamo donne torturate e violentate". Eppure, a suo dire, si tratta di un problema "di cui il Pd non parla mai. Lo conosce o no? E che cosa dice?. Se devo decidere tra la serenità di vita dei miei figli e una bandiera di partito io scelgo la serenità di vita dei miei figli e noicontinuiamo a non dire niente". Oggi, a margine di una conferenza stampa a Salerno dedicata al tema degli investimenti in opere pubbliche, De Luca ha toccato lo stesso tasto. Ribadito che il tema della "accoglienza e della solidarietà è irrinunciabile", ha aggiunto che siamo di fronte a "questioni intollerabili" riferendosi, in particolare, "all'accattonaggio molesto davanti ai supermercati e alle farmacie, lo spaccio di droga da parte di extracomunitari e lo sfruttamento della prostituzione". Insomma, siamo in presenza di "una occupazione militare di alcune zone del nostro territorio, atteggiamenti violenti che vanno combattuti, tassi di alcolismo a livelli intollerabili". Altre frecciate al Pd: "sul tema della sicurezza, a cominciare dal Partito democratico, non è che ci sono ritardi, c'è una totale assenza di programmi. Non si è ancora capito che, oggi come oggi, i due bisogni fondamentali dei cittadini sono il lavoro e la sicurezza. E una forza progressista che non parla di sicurezza, per quello che mi riguarda, può chiudere i battenti perchè è una forza inutile"


ITALIAN LANGUAGE DAILY NEWSPAPER

PUBLISHED BY GRUPPO EDITORIALE OGGI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Tutti i diritti riservati @ GRUPPO EDITORIALE OGGI e A SOAKING MEDIA